19.5 C
São Paulo
21 gennaio 2020

Rimbalzo virale e dipendenza chimica

Immagine predefinita
farmaci La carica virale CD4 Droga e l'AIDS Infezione da HIV Che cosa è CD4
La cella cd4 è quella che ha i recettori CD4. Rappresentano una piccola frazione di leucociti. Se i tuoi leucociti sono bassi, è tutto ciò che i laici possono sapere: "I tuoi leucociti sono bassi e
La cella cd4 è quella con i recettori CD4. Rappresentano una piccola frazione di leucociti. Se i tuoi globuli bianchi sono bassi, questo è tutto ciò che i laici possono sapere: “I tuoi globuli bianchi sono bassi e mestruati! Io ho AIDS e i miei leucociti sono alti. Non è fantastico?

Ma Viral Rebound potrebbe in realtà essere la più piccola e una delle ultime preoccupazioni dell'utilizzatore di droghe. Pertanto, il tossicodipendente che si sta iniettando tende a nutrire l'infezione stessa.

E anche se inconsciamente aiuta, il diffusione dell'HIV, il virus che può generare il file AIDS Quello che voglio chiarire, con questo testo è che ...

... Quando si aiuta a evitare il rimbalzo virale nel trattamento della dipendenza chimica

Ma le donne vivono con HIV são menos propensas que os homens a alcançar uma adesão ideal à terapia anti-retroviral (ART).

Tuttavia, hanno grandi difficoltà a mantenere una carica virale non rilevabile, ha osservato Adams in background.

Pertanto, i fattori associati al recupero virale in studi precedenti includono depressione e altri problemi di salute mentale.

Pertanto, inizialmente abbiamo:

  1. violenza intima del partner e
  2. lo stigma legato al lavoro sessuale.

Pertanto, questa analisi ha incluso le donne sieropositive di 185 che assumevano farmaci che hanno partecipato allo studio di coorte prospettico ACCESS. Tra 2005 e 2017. Tutti hanno iniziato il trattamento antiretrovirale e ottenuto la soppressione virale (HIV RNA inferiore a copie 50 / ml).

In questo modo:

  1. quasi la metà (46%) era indigena.
  2. 25% identificato come "Minoranza sessuale" e
  3. 5% era transgender.

I partecipanti sono stati intervistati e hanno ricevuto carica virale e test cellulari CD4 circa ogni sei mesi, con follow-up fino a 11 anni.

Non "solo in Brasile"! La terapia antiretrovirale è fornita gratuitamente a tutte le persone con HIV a Vancouver / Canada.

Ma devo informarti che la terapia antiretrovirale è fornita gratuitamente a tutte le persone con HIV a Vancouver. E per citare un amico del passato, il Brasile non è l '"unico sponsor".

Bene, hai già un'idea del perché "ex amico". Perché colui che parlava liberamente di tutto desiderava la mia morte! Così ho deciso di morire per lui!

Poco più di un terzo (34%) delle donne ha avuto un rimbalzo virale, definito come HIV RNA sopra 1000 copie / ml. Almeno una volta durante gli anni di follow-up di 11.

Di questi, due terzi hanno avuto un episodio di rimbalzo virale, un quarto ha avuto due di questi eventi e 8% ha avuto tre o più episodi.

I ricercatori hanno scoperto che le donne che hanno ricevuto un trattamento coerente e assistito da farmaci hanno impiegato più tempo a sperimentare un rimbalzo virale.

Conoscere la tua condizione immunitaria è molto importante!

Pertanto, avevano maggiori probabilità di mantenere una soppressione virale coerente.

Rispetto a quelli che non hanno mai ricevuto MAT.

In entrambi i gruppi, la percentuale che ha subito un recupero virale è aumentata costantemente nei primi tre anni.

E subito dopo, hanno raggiunto un plateau nel conteggio CD4.

Pertanto, tra quelli seguiti per otto anni o più, circa il 65% delle donne che utilizzavano un trattamento assistito da farmaci ha mantenuto la soppressione virale.

In confronto. ovviamente, circa il 55% di coloro che non ricevono MAT.

Delineare il profilo sociale IDU è importante nella lotta contro l'AIDS

Inizialmente, era necessario adattarsi a un'ampia varietà di fattori:

  1. compresa la razza / etnia,
  2. orientamento sessuale,
  3. livello di istruzione,
  4. l'occupazione,
  5. senza fissa dimora,
  6. prigionia,
  7. lavoro sessuale,
  8. iniezione di droga,
  9. sovradosaggio,
  10. uso pesante di alcol,
  11. abuso sessuale,
  12. violenza strutturale.
  13. Presenza HIV
  14. Baseline carica virale,
  15. così come Conteggio CD4.

guardare conoscere meglio l'AIDS

L'unico fattore considerato protettivo contro il recupero virale è stato il trattamento della tossicodipendenza assistita negli ultimi sei mesi. Ma le donne che hanno ricevuto MAT avevano circa la metà delle probabilità di ottenere un rimbalzo virale rispetto alle donne che non lo avevano (tasso di rischio 0,47).

Pertanto, la regolazione dell'aderenza antiretrovirale ha attenuato l'effetto del trattamento assistito dal farmaco, suggerendo che il MAT potrebbe aver ridotto il rischio di rimbalzo virale aumentando l'adesione.

"Questo studio fornisce ulteriori prove del fatto che MAT può migliorare i risultati del trattamento dell'HIV tra le donne", hanno concluso i ricercatori.

"Gli sforzi per migliorare l'accesso e la conservazione nei programmi MAT possono migliorare i tassi di soppressione virale per le donne con infezione da HIV che usano droghe illecite".

Il pionierismo brasiliano ci rende i migliori esempi di buoni risultati

Hanno raccomandato che il trattamento della dipendenza assistita da farmaci sia co-localizzato nei servizi di trattamento per l'HIV, che i servizi MAT abbiano una barriera di ingresso bassa e che i servizi includano la consulenza e il supporto di aderenza all'ART.

voi, la donna che usa il crack dovrebbe leggere questo articolo.

La carica virale non rilevabile NON È CURA! E il Conteggio CD4 è un indicatore della tua condizione immunitaria

Tradotto da originale di Claudio Souza Il trattamento della tossicodipendenza può ridurre il rischio di rimbalzo virale

Liz Highleyman

05 settembre 2019

Articoli correlati che potresti voler leggere

Hi! La tua opinione è sempre importante. hai qualcosa da dire? È qui! Domande? Possiamo iniziare qui!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Automattic, Wordpress e Soropositivo.Org e io facciamo tutto quanto in nostro potere per quanto riguarda la tua privacy. E stiamo sempre migliorando, migliorando, testando e implementando nuove tecnologie di protezione dei dati. I tuoi dati sono protetti e io, Claudio Souza, lavoro su questo blog 18 ore o giorno per, tra le altre cose, garantire la sicurezza delle tue informazioni, poiché conosco le implicazioni e le complicazioni delle pubblicazioni passate e scambiate. Accetto l'informativa sulla privacy di Soropositivo.Org Conosci la nostra politica sulla privacy