26.4 C
São Paulo
8, dicembre, 2019

Vera - Uno dei miei primi e veri amori

Immagine predefinita
I miei amori

Primo e vero amore! Gli sciocchi sono quelli che li considerano indimenticabili! ... Nella mia vita ci sono cose che non mantengo viva la memoria.

Quelle volte che, anche vivendo nelle strade, ho trovato dei modi per uscire

Soprattutto dai tempi in cui vivevo per le strade di San Paolo.

Beh, è ​​stato un periodo difficile e, secondo un ex psichiatra, è naturale che si formino blocchi su cose che non siamo riusciti a gestirlo.

Tuttavia, di tanto in tanto un "trigger" innesca qualcosa e comincio a ricordare dettagli, reminiscenze e persino interi eventi ...

Vera, Vera, Vera ...
È Vera, sai quanto costa questo bacio, vero?

Quindi anche adesso, mentre scrivo a riguardo, mi è venuto in mente perché questa cicatrice sulla mia mano destra ....

Sì, nessuno potrebbe immaginare la scena, i fatti stessi, ma questo è qualcosa che non specificherò perché mi farebbe arrossire ....

Sto gestendo un progetto a rallentatore:

Un libro

Un libro di Bad Sinado!

Sì, i miei ricordi, scritti a quattro mani con il supporto di Marcelle, che sta rendendo possibile un sogno!

Il libro

Ed è stato in una conversazione telefonica con lei che questo grilletto ha sparato e mi sono ricordato di Vera

Vera e molte altre cose.

Il fatto è che dopo circa 4 anni nelle strade (12> 16) avrei raggiunto un alto grado di sofisticazione per un abitante delle strade.

I posti vacanti delle pensioni, persone, São Ratoeiras

Ha fatto alcuni ugelli nel mercato municipale e ha scaricato alcuni camion. Questo mi ha dato un grande fisico per l'età.

E ho ceduto qualche cambiamento; non era molto, non era abbastanza per affittare una pensione. Lo darei a un posto.

Ma i posti vacanti per i braccianti sono come le trappole e preferirei dormire in strada con la mia banda piuttosto che rischiare dove il più piccolo sarebbe svegliarsi e scoprire senza scarpe ... Vorrei fare la doccia alla stazione degli autobus, o pagare il bagno in qualche fattoria; alcune ragazze del programma mi lavavano i vestiti in cambio, sempre, per qualcosa e vivevo relativamente bene.

Il terzo distretto Vera, non hai idea !!!

C'è anche un momento molto triste da raccontare in un altro testo. Questa cosa di fare sesso con la moglie di altri, quando altri sono investigatori della polizia, è una cattiva abitudine

Ha avuto alcuni combattimenti, le ultime notti in distretti (ero un habitat del terzo distretto in Aurora Street, sempre per investigazione o vagabondaggio .... Un'azione che un tempo era meccanica e banale, un abuso dei diritti umani, impensabile al giorno d'oggi, bastava essere vista (e riconosciuta) per essere analizzata , ha avuto alcuni problemi di convivenza e, ovviamente, non è sfuggito alla ferocia delle strade.

Un toco, un universo per la caccia

Ma era quasi sempre illeso, e quando non uscì, la Santa Casa fu molto utile, nonostante le domande.

E 'stato in questo momento, in questo universo fantastico che sono riuscito a creare, godendo di ampia libertà e di un bell'aspetto che ho scoperto una discoteca chiamata Toco.

Lì, a Vila Matilde, c'era una sfilata di piccoli patris e di piccoli maurici che potevano pagare per entrare.

Ma molte persone sono rimaste fuori, full house, biglietto alto, godendosi la notte proprio lì.
Eccellente terreno di caccia, dichiaro.

Ed è stato lì che ho incontrato Vera, che è lo scopo di questo pezzo dei miei ricordi.

Vera aveva cinque anni più di me e onestamente non so come l'ho presa. In realtà doveva avere una pazienza infinita finché non ho capito che, sì, sì, sì, sì, sì, voleva un bacio!

Seicentomila diavoli!

Tutto quello che so è che mi ha dato il numero di telefono, l'indirizzo della scuola e i suoi orari.
In una settimana abbiamo iniziato una storia d'amore torrida.

Fondamentalmente sessuale. Un po 'di chiacchiere, molta azione, e per dire quasi tutto, non c'è mai stata una penetrazione della verità, anche se ho gridato a tutti i santi per questo.

Ma è stato bello, delizioso essere con Vera.

Solo io non ne avevo idea.

Non attribuiva a Vera l'importanza che meritava.

La verità è che non lo sapevo, che non capivo molto dei sentimenti, e che un'istruzione triste, un'idea sfortunata, che mi dava capire quale fosse il piacere di un orgasmo, ma che non mi dava notizie di altri sentimenti

Passione, amore, desiderio, voluttà, lussuria, nulla mi è stato detto, e naturalmente ho scelto il peggio, perché il peggio è sempre più delizioso.

È come lo zucchero per le persone con diabete!
E abbiamo incasinato. A quei tempi, il termine era "dare un martello".
E abbiamo lavorato bene a proposito ...

Sarei rimasto con lei dall'inizio della terza classe fino al momento dell'ultimo treno. Questo è stato ripetuto per circa un mese.

Fino al giorno fatidico è arrivato:

All'improvviso mi ha chiesto:

"Claudio, quali sono le tue intenzioni con me? "
Cosa potrei, con 16 anni, vivere, rispondere come niente mi hanno insegnato!

Ma all'epoca non lo sapevo e dicevo, semplicemente:

"Sono qui, mi piaci."

Conosci i giovani che essere qui e che ti piacciono non sono abbastanza forti per cementare una relazione.

Ci vuole molto di più e il giorno dopo Vera si è allontanata da me per non tornare mai più.

ieri, L'ho sognata.

Ho sognato che era vestita con una delle sue gonne, bellissima, a piedi, in partenza, per non tornare mai più ....

E nel sogno ho capito questo, che non sarebbe mai tornata, che non l'avrei mai più rivista, che non l'avrei più baciata, che non l'avrei più toccata, che non l'avrei mai posseduta ... E questa consapevolezza tarda, appena acquisita nel sonno, mi ha portato, in lacrime, a svegliarmi.

Mi alzai, bevetti un bicchiere di vino, brindò Vera alle tre del mattino e silenziosamente le chiesi di perdonarmi.

Perdonami per il sogno infranto.

Spero, Vera, con tutto il cuore, che tu sia riuscito a trovare qualcosa di meglio e più saggio di me e che ti abbia dato la risposta giusta, che nel mio tempo sarebbe stata questa:

"Vera, sono giovane e non lo sai, ma vivo per strada.

Mi giro e posso uccidere un leone al giorno, così posso essere qui con te. Sei stato, per me, sollievo, porto e sostegno, e in qualche modo sento che comincio ad amarti.

Ma, Vera, capisci, non posso ancora prometterti nulla, perché non ho niente e mi manca tutto; non mi manchi anche io, ti prego di umiltà.

Vera, potrei e ti avrei reso vivo; e formeremmo una famiglia con figli, nipoti e pronipoti se dovessimo vivere per essa; ma, Vera, non posso prometterti nulla.

Posso solo chiedere.

Chiediti di non andare, non ora, perché mi hai dato gioia e felicità, anche se ancora non capisco bene questi concetti ...

Allora, Vera, insisto che non mi abbandoni, per favore, e permettimi di combattere per cercare di realizzare tutto! Sì, sì! Tutto ciò che ho detto mi piacerebbe fare ...

Sì, Vera, sì, puoi, con la tua semplice presenza, trasformare questo ragazzo di strada in un uomo e quest'uomo! E quest'uomo ", d'altra parte, lo farà certamente come una donna".

La vita, a volte Vera, è una prigione, un acquario! O un mestiere, eh?

Se avessi detto che forse se ne sarebbe andata, forse sarebbe rimasta.
Se fossi rimasto, la mia vita sarebbe stata diversa e non sarei qui ora, vicino alla Foresta dell'Orticoltura, a scrivere a quest'ora della notte. Sarebbe da qualche altra parte, non concierge HIV, non avrei conosciuto Gabi, Cecilia (Cecilia, ti amerò per tutta la vita, proprio come ti ho detto al telefono qualche giorno fa) e così tanti altri.

Ma forse sarebbe stata felice con Vera. Anche perché, ero felice con lei! Solo, ridendo ridendo, non lo sapevo. Sì, ero felice con lei! O no ...!

Il futuro-del-passato-a-Dio appartiene e non sapremo mai come sarebbe se non lo fosse.
Se mi leggi, Vera, e puoi riconoscerti in questa storia, sappi che ti ho tenuto nel mio subconscio Anni 24 e ricordandoti la sensazione è di perdita e lutto, come in quasi tutto nella mia vita.
E sinceramente, perdonami.

Immune Window, tornando, io, al tema del blog

Sai, spesso questa cosa di finestra immune e paure è solo colpa e un'immensa vergogna!

Penso che sia l'ora, e adesso, sia che capisco le pene del vecchio, il vecchio, ora, risate, sono io!

https://youtu.be/fy5pUeL_PDs

Mantengo questo blog, quasi senza aiuto, dall'anno 2000! siamo alla fine di 2019

Nessuno è così povero da non poter aiutare almeno una volta. A te la scelta. E Dio testimonia le tue opzioni

Per aiutare con $ 10,00 Per aiutare con $ 20,00 Per aiutare con $ 50,00Per aiutare con $ 100.00




























Ciò che viene dopo l'immagine non è per te pensare:
"Wow! Come ha sofferto!
Spetta a te metterti in testa che puoi passare ancora di più!
Quando scrivo che c'è vita con l'HIV è questo e molto altro che parlo !!!

Nonostante l'infezione da HIV, e anche raramente, posso sorridere!

Hi! Vuoi fare qualche considerazione al riguardo? No? Ok! Pensa a rivedere questo argomento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Automattic, Wordpress e Soropositivo.Org e io facciamo tutto quanto in nostro potere per quanto riguarda la tua privacy. E stiamo sempre migliorando, migliorando, testando e implementando nuove tecnologie di protezione dei dati. I tuoi dati sono protetti e io, Claudio Souza, lavoro su questo blog 18 ore o giorno per, tra le altre cose, garantire la sicurezza delle tue informazioni, poiché conosco le implicazioni e le complicazioni delle pubblicazioni passate e scambiate. Accetto l'informativa sulla privacy di Soropositivo.Org Conosci la nostra politica sulla privacy