Immagine predefinita
Testimonianza di persone che vivono con l'HIV Famiglia familiare famiglia

Exequias By Souza! The Old Souza! Quello che sono adesso

Souza
Se non l'avessi detto qui, mi sarebbe sfuggita la verità. E la verità è che non potrei mai sapere di conoscere le ragioni della separazione dei miei genitori. Non riesco a capirlo perché i testimoni viventi sono molto, troppo lontani dall'equità. Ma una cosa di cui sono sicuro. Questa signora, in questa foto, con questo sorriso, AMA MIO PADRE con tutta la sua comprensione e tutto il suo cuore. Ho scritto il testo e non ho negato nulla di ciò che è contenuto. Ma, sai, mio ​​padre è stato molto gentile con nessuno finché questa persona non lo ha contraddetto. E non era nemmeno un uomo poco convinto. Dona Josefa è stata lì, accanto a lui per poco più o meno degli anni 40 e questa è una vita per molti. E lo scintillio nei suoi occhi dice tutto!

Sei ore dietro il Requiem Ora, i funerali

Poco più di sei ore fa ho tenuto uno dei sei cinturini di una barca. Una semplice bara, dal momento che le sue risorse, mio ​​padre, erano semplici. io Tengo con la mano destra, che di solito mi aiuta quando perdo l'equilibrio (triste ironia), dopo averlo passato, il bastone, alla mano sinistra, che è di poca o nessuna utilità. Bene, le persone che mi conoscono più profondamente sanno che il mio rapporto con mio padre non era buono. In effetti, per decenni fu una serie infinita di armistizi sostituiti da battaglie sempre più dure, difficile in termini di parole.

The First Reapproximation after the Escape

La prima volta che ho cercato la riconciliazione avevo poco meno di 20 anni e avevo in grembo una nipote. Vivian. Il mio primogenito per il quale ho fatto tanti sogni ... Oggi mi nega persino il diritto alla difesa! Non era in forma e, ho pensato: forse in futuro ...

Il tempo contato mi sembra di essere 40 anni

E così l'ho cercato altre quattro volte nella mia vita, ognuna di queste volte, in media, ogni otto, nove anni e, non sono in vena di bugie. Di solito è la mia franchezza e il modo più rude di esprimermi che mi porta amici, ammiratori e, dall'altra parte della scala, nemici e persone senza la capacità di cercare di vedere, capire il perché e il perché, di volta in volta non solo non amo ma lo odia anche. Qualche tempo fa ha avuto un incidente, una caduta. Una caduta dopo gli ottanta anni è un incidente molto grave e non può più essere indipendente. E prima della caduta ha menzionato "bianchi" e teste vuote, come quella DLL di Windows che non ha le seguenti istruzioni e il processore si arresta.

Ho pensato all'Alzheimer.

Non sono un medico, ma ho vissuto così a lungo negli ospedali che, in un certo senso, ho finito per imparare a rilevare con precisione alcuni segnali che ho trasmesso, ad esempio, a un'infermiera dell'ospedale São Camilo. Avevo ascoltato alcuni discorsi del compagno di stanza e avevo visto un'embolia polmonare in corso. Ne avevo già due, devo sapere come è ... 😉 Nel caso in cui avesse chiamato lo specialista e meno di 20 minuti dopo il ragazzo è stato trasferito in terapia intensiva. Quello che è successo dopo, penso che non lo saprò mai.

Ho visto e sentito in fretta, ma non così tanto

Ma ho visto il morbo di Alzheimer e la sensazione che il tempo perdeva e, se l'odiavo ,, non era in grado di perdonarlo, e se chiedete perdono che vi dirò che questa è una grande questione, perché Sì, ha dato un corso di esperienze e di esperienze che torcono la mia mente nei miei incubi, credo, non scomparirà da questa vita.
Ma, avevo adottato, basato su una scena di un film che "tutto è come Dio desidera".
E l'ho detto a così tante persone che sono arrivato a temere il giorno che mi è venuto, e se fosse arrivato sarei stato in grado di prescrivere per me la ricetta stoica che ho dato a tanti come un balsamo eterno, e circa un anno fa ho perso X% dei movimenti delle mie mani, e se potessi applicare a me stesso la stessa ricetta dello stoicismo senza mormorare.
Vedi, sfogo non è mormorare, e se non posso parlare del mio dolore ai miei amici e gli amici, e se non posso rivelare a persone che cercano di aiutare, il cessate il meglio di esistere.

La richiesta: la mia soppressione totale

Loro lo sanno! L'ho persino chiesto a Dio. La soppressione della mia esistenza. Non negli ultimi 50 anni. Parlo di tutto, da quel primo respiro, in quell'atteggiamento inquietante pieno di atteggiamento ossessionante pieno di amore L'ho detto con un amico molto importante che, non capisco i perché, non mi ha mai più parlato negli ultimi diciassette anni! E lei mi ha detto che la mia richiesta era piena di egoismo, perché, secondo lei, ero troppo importante, sempre secondo lei, per l'Universo, e rinforzo che è sempre secondo lei, che lui, l'Universo il mio amico deve essere pazzo non potevo, non più, fare a meno di me.

L'acqua di quell'edificio

Ho sempre considerato ambigua la qualità dell'acqua di quell'edificio. Ordine effettuato, servizio servizio negato
Un uomo nato nel decennio 30 nel remoto interno di São Paulo, poco più avanti di Franca, Pedregulho, non riusciva a capire correttamente che avevo contratto l'HIV.
Ma, in quel momento, dovevo provare. Ho dovuto provare e, per quello, ho deciso di "territorio neutrale". Quindi, invece di svoltare a sinistra, ho seguito altri due blocchi e, girando a destraSono andato a casa di mia sorella.

Sandra.

I suck questa cosa per dare notizie e meno di cinque minuti per avere adentrado a casa sua, come ha messo l'acqua per fare il caffè ho consegnato la mia carta di medici, in quei giorni cruenti, come anche questo mi è costato un posto di lavoro per il futuro di questa passato narrazione tesa è scritto in modo!

CRT-AIDS

Centro di riferimento e formazione - AIDS

Claudio de Souza Santos

Perché, dopo tutto, i seicentomila diavoli dovevano essere scritti in questo modo. Questa cosa, presentata in questo modo, mi ha fatto perdere un lavoro "

Se l'avessi fatto come Thanos e vi avessi lanciato una luna piena, l'effetto non sarebbe stato così devastante! Lei rise. E ho detto: hai riso! -Non è quello .... e scoppiò a piangere.
Beh, non era la prima volta che dovevo dare alle speranze dell'altra persona che non avevo e fare promesse che non sapevo se avrei potuto mantenere
Sto bene Sandra, starò bene, NON MUOI MORIRE.
Ma ho bisogno di parlare con il vecchio e lì a casa sua, non funzionerà. Ho bisogno che tu faccia con lui quello che ti ho fatto! Per favore, vai lì e mostra la carta a lui. Digli che sono qui.
Abbiamo preso un caffè e lei se n'è andata. L'ho lasciata andare per un isolato e seguirla. Mi sono fermato a metà strada. Il territorio neutrale non lo farebbe. Doveva essere lì. Per strada. Mi sono seduto su una sorta di scala che doveva essere usata dalle persone che possedevano la casa dove quella scala era usata per entrare e uscire dalla casa e fare, da quel punto la linea che avrei difeso e indicato.
Sun Tzu dice: Se non vuoi combattere, disegna una linea e difendila. Possa il tuo avversario non attraversarlo.
E lì l'ho aspettato. Meno di tre minuti, penso che non sia venuto in strada in pigiama perché lo aveva avvertito Dona Josefa! Il contenuto della conversazione stessa era praticamente un parossismo, e si è rivelato essere qualcosa, è che mi ha confessato che quando è andato "nella zona", giù per Rua José Paulino (sì, lo so), quei negozi laggiù a José Paulino erano, fino a quando La decisione dell'onorevole governatore eletto Laudo Natel riflette che il Palazzo di Stato, quindi su Avenida Rio Branco, è a meno di quindici minuti a piedi da "rua da lama", la "zona bohémien della città". Ho intenzione di raccontare questa parte della città di Sampa in alcuni video, che ho visto, scoperto, appreso e so che non sarò in grado di raccontare per intero e, in alcuni casi, di mantenere il silenzio, perché il silenzio è una preghiera!

Preghiamo, allora.

San Paolo das Antigas vero, Beto? Ma delle cose che mi ha detto è stata la spiegazione sensazionale che, dopo essere andato nella zona, "lava op **". Non ho cercato di spiegare e, se il figlio di un pesce, un pesce rosso, Dona Josefa è arrivato al momento giusto, perché il caos era in arrivo. La conversazione non andò avanti, perché, in effetti, ci andai sapendo che non c'era molto da fare e, per finire la conversazione, disse: - "Hai lasciato la casa perché volevi"! - "Sono partito per non morire tra le tue mani, con così tanto pestaggio"! - "Mio padre mi ha colpito con la maniglia della zappa e non sono morto"! - (silenzio sepolcrale). Ho capito in un atmo che stava semplicemente passando la palla che ha ricevuto.

Gli ho detto, con poche parole.

La vecchia Souza (la vecchia Souza ora sono io) non ho un posto dove andare. Non ho lavoro o soldi.
"E questo è quello che vuoi, soldi."
Ho guardato per terra e maledetto per millenni che hanno creato questa sporca cosa chiamata denaro, perché non era quello ... Dona Josefa è intervenuta:
"Vuole che tu rimanga con la famiglia Seu Souza."
Non mi ricordo come questa conversazione si è conclusa, ma so che è finita male, perché ho appena lasciato la linea di difesa e come ha detto nulla, sono andato di nuovo alla stazione Suzano, ho preso il treno e molti anni passati prima che io chiedere ancora una volta il suo aiuto.

Perso da uno, perso da un migliaio.

Nove anni fa sapevo che aveva chiesto ai miei cugini di trovarmi. Conosco il nome della fuze che ha sparato questo proiettile e lo tengo anonimo per ragioni di rispetto dell'ordine di famiglia.

E mi ha trovato ed è stato FANTASTICO

E ricordo che è durato più di due mesi fino a quando Mara lo ha contraddetto e la torta è impazzita, perché ha attaccato Mara e mia suocera! Chi aveva scambiato una mezza dozzina di parole con lui e educato, educato, una signora, tornò al suo alloggio! E infine, ho rinunciato alla riconciliazione, ci sono stati quasi 40 anni di tentativi falliti e, dottor Valéria, anche la mia resistenza si stanca un giorno e, Maira, ho un disperato bisogno di parlarti.
Bene, questo deve essere finito qui, perché, lo so bene, ti sto uccidendo per la noia.
Quando ho visto il film A Cabana, c'è un momento in cui “A Sabedoria” si confronta con quell'uomo e, amici miei, che bellissimo confronto. Con ciò, ho finalmente capito il significato più grande di questa ricetta per eroismo o stoicismo che prescrivo e prescrivo per tutti.
TUTTO È COME DIO DESIDERA
Sapendo che non stava bene e che la sabbia in cima alla clessidra era sempre più sottile e che la ruota gira solo in una direzione, mi affrettai a vederlo. Quell'uomo forte e muscoloso che ho incontrato, amato, amato, temuto e avuto dissensi era diventato un'ombra di se stesso e non ho fatto una registrazione fotografica di lui, sarebbe una mia crudeltà da fare. Ho parlato con Dona Josefa, ho parlato di alcune preoccupazioni che ho con un'altra persona e sono andato da lui.
Dio sa ANCHE quello che fa, perché quando ho detto,
Papà, come va? (questa E lì? è il mio marchio, anche ai tempi di DJ: Ehi ragazzi? Rabbrividiremo ???) Mi ha risposto con lucidità e mi ha parlato con precisione delle sue condizioni di salute e chissà cosa sta vivendo, vivendo e l'apprendimento. Mi sono seduto vicino a lui e Dona Josefa si è gentilmente allontanata. Ragazzi, non sarò in grado di essere letterale, anche perché non ho scritto prima di andare lì, come non pensavo prima di scrivere qui. Spesso, quando inizio un testo, tutto quello che ne so, il testo, è l'ultima frase e man mano che le parole progrediscono vengo portato via da loro, che mi dicono dove andare fino a quando, come un interruttore Ricablata la frase appare, quella che mi ha portato a scrivere, anche senza conoscere i motivi per cui volevo scriverla.
Sembri vecchio, il prossimo: abbiamo avuto, per tutta la vita, una vanga di disaccordi e per questo ho attraversato un percorso da rovinare. Ma ho guardato indietro l'altro giorno e ho visto che sì, queste cose, alcune così orribili, erano le cose che dovevo attraversare. E tu no. Il suo ruolo, in tutto questo, era di portarmi qui, sulla Terra, ancora una volta, per farmi passare tutto questo e vedere papà, ancora non capisco il messaggio, perché sì, tutto è come Lui desidera e, fino ad ora, Non mi ha spiegato perché ho dovuto perdere così tante persone a morte o in vita.
E qui tra me e te, lettore, non so cosa sarebbe peggio in questa cosa di perdere la vita o di morire. 😉
Quindi papà, so che potresti anche essere preoccupato e un po 'annoiato dal modo in cui guardo tutto questo e ti dico che è con gratitudine. Buono o cattivo, felice e infelice, con molti e pochi soldi, e ho visto e vissuto molte cose. E se è vero che ho pianto, è anche vero che ho sorriso e, quindi, sono in pace, perché ti ringrazio per la gentilezza di avermi portato in questo mondo e, tra noi, non ci sono problemi in sospeso. Puoi stare certo che non è nemmeno un caso di perdono. È un caso di gratitudine. Grazie mille per avermi dato il biglietto.
Se era esattamente così, non me lo ricordo più, ma questo era lo spirito. Il suo nome?

Sebastião Afonso de Souza.

Se tu, per qualche pazza ragione, ti senti in debito con me o vuoi aiutarlo, almeno dì una preghiera per lui stasera, una preghiera che chiede a mio nome, Cláudio Souza, davanti a Dio, la clemenza (misericordia) . Non ti farà male. E non lo saprai mai domani. Bene, so che questo testo sarà ancora rivisto, poiché ha già approvato mia sorella. Sai, Velho, voglio che tu sappia, sì, che siamo pari e che non c'è, almeno per quanto posso vedere, nessun problema in sospeso tra noi, tranne uno: volevo, volevo davvero poter ascoltare questa canzone, che segue di seguito, e non sentirti un bugiardo, un ladro! Sai, la verità è che Velho Souza ora sono io! E involontariamente, sto lasciando un'eredità simile per me, per le tue nipoti, anche se le scelte non sono state fatte da me. Sì, il tuo desiderio mi sta già colpendo. esattamente come il mandolino.

In Extemix

Ma c'era un dettaglio imperdonabile 🙂 È stato sepolto con la maglietta dei Corithians e che non posso sostenere.

Se hai bisogno di parlare e non riesci a trovare me o Beto Volpe, questa è un'opzione molto più equilibrata, Beto, puoi anche inviare il tuo messaggio. Forse posso prendere un po 'di tempo. Controllo i messaggi a mezzogiorno, poco dopo, in effetti, alle 20:00.
Sta diventando sempre più difficile per me, tutta questa faccenda, scrivere.
E finisco per aver bisogno di un intervallo tra un paragrafo e l'altro.

Ma assicurati di una cosa che ho imparato:

Tempo e pazienza risolvono praticamente tutto!
----------------------------



Vita privata Quando invii questo messaggio, è implicito che hai letto e accettato le nostre politiche sulla privacy e sulla gestione dei dati [/ accettazione]

Letture consigliate su questo blog

Suggerimenti di lettura

Hi! La tua opinione è sempre importante. hai qualcosa da dire? È qui! Domande? Possiamo iniziare qui!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Automattic, Wordpress e Soropositivo.Org e io facciamo tutto quanto in nostro potere per quanto riguarda la tua privacy. E stiamo sempre migliorando, migliorando, testando e implementando nuove tecnologie di protezione dei dati. I tuoi dati sono protetti e io, Claudio Souza, lavoro su questo blog 18 ore o giorno per, tra le altre cose, garantire la sicurezza delle tue informazioni, poiché conosco le implicazioni e le complicazioni delle pubblicazioni passate e scambiate. Accetto l'informativa sulla privacy di Soropositivo.Org Conosci la nostra politica sulla privacy

Hai bisogno di chattare? Cerco di essere qui al momento in cui ho mostrato. Se non rispondo, era perché non potevo. Una cosa di cui puoi essere sicuro. Finisco sempre per rispondere
%d Bloggers come questo: