Waldir! Quello che mi ha insegnato che servire è un privilegio

Sei dentro Iniziazione => Storie positive => Waldir! Quello che mi ha insegnato che servire è un privilegio
Storie positive

Amico Waldir Vedo ancora che avere l'opportunità di servirti è un privilegio

Ho, all'interno dei server di yahoo, una sorta di prima cassa, dove sono archiviate le cose che a volte penso di cancellare. Ma la codardia e la vigliaccheria benedetta non mi fanno confermare la "cancellazione".

Lo cancello.

Si eliminerebbe!

È incredibile, Microsoft Word ha riconosciuto questi due "verbi" volte!

Questo va dal margine a "N" Ilações e lo lascio ad un'altra scrittura non occupata, e non a me.

Servire è un privilegio

Insisto: servire Waldir è stato un privilegio!

In qualche modo, questo blog è il risultato di quell'esperienza!

Il percorso può sembrare solo, e tutto può sembrare buio. Nella più oscura oscurità, un fiammifero è già "un po 'di luce!

In ogni caso, non ho mai confermo, e dovrebbe, in quanto vi sono demoni lì, se potevano crescere le ali e uscire da lì, avrebbero il potere di rendere il mio inferno privato un inferno pubblico e non "Antonio" raggiungerà la ...
Bene, ho trovato questo testo e lo sto incollando in questo documento di wrod con il nome originale, Waldir, che era il ragazzo che mi ha insegnato, senza una parola, l'umiltà necessaria per capire che servire è un privilegio!

E che la parola Samurai è qualcosa che ha molto senso quando viene tradotta e oserei dire che sì, forse il sepukko era valido nei tempi in cui volevo praticare sepukko.

Oggi .... Oggi amo e sono amato! e Marae la loro esistenza sostiene ogni disperazione o sgomento. Amare è mostrare vita, sì, insegnante, avevi ragione e, lo so, non sarò ingiusto, ho visto ...
Beh, io incollare il testo come è stato redatto originlmente, come è, ma io riparare errori di battitura, come ho avuto, che tanta fretta di post, perché dopo era dal vivo e avevo in quel momento una fame devastante per la vitaHo avuto, in quel momento, una fame devastante per la vita e per vivere!

E a causa di questa fame di servizio ho appena scoperto che, sì: servire è un privilegio!

E, vero, ora vedo che non aveva alcun interesse ad andare avanti e tutto era chiaramente stabilito! Sì, nel "contratto verbale" abbiamo scelto come base per la nostra "relazione"!

Sì ... Mi ricordo che una persona che, in un momento di illusione me e un momento di crudeltà benevolo (eluso se n era stato fatto come è stato fatto, l'avrei ucciso me presto e non avrei trovato la felicità che era stata pre- determinato che l'avrei trovata) ma tu, insegnante, ferito, fatto piangere e ucciso molte cose in me!

Ma prima ho detto, in un altro momento e in un'altra circostanza, che vedere la mia lotta per la vita ha reso impossibile per le persone non innamorarsi di me.
Sì, questa persona aveva ragione. Ma tra tante persone innamorate di me c'era la mia pazzia, era tanta voglia di vivere che sono impazzito e ho perso, ancora, nella pila di piacere fisico a cui quasi mi davo completamente!

E se Egli si fida di te, tuo obbligo, verso di Lui, se hai fiducia in Lui, è anche fidarti di te stesso, nel Suo giorno!

Ma andiamo alla storia di Waldir

Quando la prima tempesta passata, e il percorso punto che nella timeline è al momento ho deciso di cercare per il mio vecchio manager, Elizabeth Castro, che quasi mi ha fatto pagare per la sua festa di compleanno a SKY / Perepepês perché ho annunciato l'anniversario e ha detto che, per divertimento, ci sarebbe stata una performance di "Francisco Petronio e Great Orchestra", che le ha fatto scopare la vita con me.
Francisco Petronio, grazie a Dio, non è stato trovato e sono fuggito da questo.

Ero uscito da SKY in modo fragoroso, ero innamorato di una ragazza di nome Marina e un sabato mi sono dimenticato di iniziare il ballo e stavo facendo "musica ambient" per me e per la Marina. E, naturalmente, sono venuti alla cabina del suono per rimuoverlo e io, impetuoso com'era, ho lasciato la casa nel bel mezzo del sabato, che va in maiuscolo per aggravare il "crimine" ...

Dannazione essere quel tempo quando porto amici da umani spazzatura cieco

Bene, ti assicuro che c'erano altre tempeste, e ne ho una miriade da dirti!

Bene, l'unione con Marina è durata tre anni e, a mio parere, non valeva l'abbandono della posizione in un posto dove ero amato e rispettato e, francamente, penso di essere un idiota!

L'ho pensato già nell'anno 2000 e oggi, in possesso di tutto il materiale informativo che ho, forse ho mangiato una feijoada per sei persone solo per andare da lei e vomitare tutto su di lei, che non meritava il gesto.

Fortunatamente ...

Questo mi ha lasciato in dubbio sul fatto di cercarlo o no .... ma non avevo scelta.
La scelta era di rimanere per strada ... inaccettabile, vorrei morire ...

Io, che sapevo che potevo entrare in casa, nonostante tutto, ho chiesto di essere bussato alla porta.
È venuta e mi ha condotto dentro. Lei mi ha guardato ed era chiaro, dopo un po 'in coma e hanno perso 40 kg, è chiaro che qualcosa era accaduto e che non ero bene, e lei mi ha offerto uno spuntino e, mentre lo snack è stato preparato ho cercato di dirle la mi era successo.

E pur sapendo che lei era sempre stata più di un manager e una vera amica, mi vergognavo del mio stato di HIV e della triste condizione in cui mi trovavo.

Il DJ! Ciò che rendeva centinaia, o anche più di duemila migliaia di persone, era caduto, sconfitto, nelle reti dei propri errori, e io sapevo lucidamente, chiaramente e dolorosamente, che la causa era la mia inettitudine.

È stato un buon momento per le domande:

Dov'è il meglio di sampa?

Dove il DJ di Wagon Plaza? Forse hai chiesto a quel ballerino ...

Dove colui che ha abbandonato Kanecão, da Mogi das Cruzes, nel mezzo della danza perché era lui?

Altre domande si adatterebbero, molte di loro ...
Dove sono gli amanti?

Dove sono gli amanti?

Dove? Dove? Dove? ...

E in me, temevo che sarebbe stato sempre così come descritto nella codifica, il momento cupo di un altro indifeso che, una volta, cadde anche ...
Mi dava tanta paranoia che credevo che chiunque mi guardasse per strada potesse vedere che "avevo l'AIDS" e che in qualsiasi momento qualcuno avrebbe urlato, indicandomi:

HA L'AIDS! LASCIARVI DA LUI, L'AUTORE DI DIO È CADUTO SU LUI! ... LA DANNATA AIDTICA

Ad ogni modo, dopo aver pianto un po ', l'ho aperto con lei, le ho detto cosa era successo e che, come tutti, ero andato via, non solo abbandonato da "tutti i miei amici" ma anche da nessuna parte dove andare e non sapevo cosa fare e, ancora una volta, come in tante altre volte nella vita, mi ha cominciato a perdere le forze morali (così tutti sanno, sono stato, ancora una volta mi avvicinavo a poco a poco, lentamente e inesorabilmente striature di follia e di suicidio ...).

Mi ha chiesto di uscire e ha fatto una telefonata.

Cinque, forse dieci minuti dopo, voglio sottolineare che dopo la diagnosi, il tempo è compreso da me in un modo diverso e quello che, per te, sembra che le undici si presenta a me come qualcosa di trascinato, appiccicoso e dilatato di , forse, decenni ....

Ma, tornando, dopo la telefonata, è venuta da me e mi ha chiesto se potevo arrivare fino al minuto 5 per Major Diogo Street. Era quasi un miglio e ho detto che potevo provare!

Mi ha detto che aveva trovato un posto dove vivere, questo posto è la Support House di Brenda Lee, che mi è stato detto che era chiuso, credo, un po 'più di un anno fa.

Era un luogo dove "compassione" ha prevalso, grazie alla somministrazione di casa che ha avuto, tra tutti, uno sguardo più profondo delle cose, che era molto speciale e sensibile e fu lei che, utilizzando le loro risorse intellettuali e ginga come assistente sociale, sono riuscito a ottenere il proprietario di un'ottica per ventilare un paio di occhiali, perché la mia vista si è deteriorata.

La casa di supporto offriva sei pasti al giorno, lavava biancheria, TV via cavo! ...

Era un posto magnifico per chiunque fosse determinato a rimanere, come Raul Seixas era giustamente seduto lì, con la bocca aperta, spalancata, piena di denti, in attesa che arrivasse la morte!

Ma non per me, anche se non c'era nessun trattamento e nessuna speranza, non volevo essere tra i pazzi, dover dormire come un cane, con un orecchio sempre attento, perché c'era sempre il rischio che "qualcosa accadesse".

E l'ho imparato il secondo o il terzo giorno che ero lì e hanno dimenticato di portare il pranzo a una persona che non poteva più camminare. E sono andato, non so perché sono andato, fino a quando, fino alla diagnosi, non ero capace di alcuna gentilezza, tranne quando si trattava di "conquistare una ragazza", di dimenticarla il giorno dopo "La mia vittoria! ".
Questo era già un effetto dell'HIV, che mi ha mostrato a tutti gli "effetti Orloff":

"Io sono te domani"

In questo giorno ho visto qualcosa. Quando il travestito che era il cuoco di casa, un transessuale nero, con i segni del tempo e l'AIDS mi ha consegnato il piatto e un altro travestito mi ha chiesto chi fosse il piatto.

Avrei dovuto dire che era per me, ma accidenti ho detto il nome della persona che stava per ingerire quel cibo e ho visto il travestito, il trasportatore attivo della tubercolosi sputare catarro sul cibo della persona, e ho detto,

Ti ucciderò se mi addormento! Ho preso il piatto e il servi ... (Dio perdonami).

Era un classico esempio di quello che è successo in quella Casa del Supporto, e non so se lei vive e se non vive, vorrei davvero che fosse all'inferno. Secondo il primo infettologo che è venuto da me, la Casa di supporto Brenda Lee era un "punto focale" della tubercolosi, e così è entrato con il trattamento della tubercolosi e questo mi ha angustiato ancora di più. Ed è stato proprio per questo motivo è stato prescritto per me, come chemioprofilassi, per colui che mi ha prescritto il trattamento della tubercolosi e anche come lo era, non sanno più, mi ha prescritto un antibiotico, ai miei tempi era Bactrim 500mg un giorno, un farmaco chiamato chemioprofilassi di routine, che è quello di prendere, per creare, ad esempio, nel corpo, un ambiente 'chimicamente ostile" e prevenire alcune infezioni o malattie (un disturbo delle funzioni di un corpo, la psiche o del corpo come un tutto che è associato a segni e sintomi specifici).

L'AZT mi rifiutavo di prendere, perché in teoria avrebbe dato altri due anni di sopravvivenza, in una dose disperata di sei pillole ogni quattro ore, questo comportò due interruzioni del sonno ogni notte e sei sedute di vomito quotidiano ...

Poi è arrivata l'occasione d'oro (rileggendo fuori, in 2018 mi spaventa con questa espressione! Stavo ancora squilibrato quando l'ho scritto e non ho nemmeno conto. E perché tanta, ora vedo, dato quello che ha ...).

Un nuovo paziente era arrivato alla casa di supporto, estremamente debilitato, aveva bisogno di essere portato all'ospedale tutti i giorni e aveva bisogno di essere accompagnato. Sono venuti da me e hanno detto (era l'assistente sociale, Rosa Maria):

Tu che io vedo chiaramente non essere felice qui, puoi cogliere questa opportunità ... e mi ha spiegato cosa doveva essere fatto.
E ho detto di sì.
Dopotutto, è stata un'opportunità per essere utile e un'altra possibilità di partire, per vedere il mondo, le persone, chiarire i miei pensieri.

E 'stato relativamente semplice routine: di mattina, gli ho dato un bagno, ripulito le sue piaghe (ho dovuto imparare molto sulla fragilità umana e riconoscere che mi potrebbe essere al suo posto un giorno ...), è stata la guarigione come mi ha insegnato l'infermiera e lo mandò, passo dopo passo, all'ambulanza, nota come "papa todo", un'ironia senza limiti ...

Arrivando in ospedale, lo mise in una sedia a rotelle e lo portò al terzo piano, dove è stato collocato su un letto e ricevuto farmaci per via endovenosa. Era lì, così tutto il giorno.

Non sapevo cosa avesse, ma era terribile perché si teneva a malapena sulle sue gambe.

Hai bisogno di supporto per andare in bagno, per mangiare, per tutto .... Anche un bicchiere d'acqua che non poteva gestire. Anche così, ho trovato il tempo per conoscere gli altri pazienti su quel piano e sono andato il più lontano possibile, facendo amicizia, conoscendo quelle persone, le loro storie, rendendole la mia famiglia.

Ho persino guadagnato la fiducia dei medici e delle infermiere che sono venute a trovarmi come aiutante, qualcun altro con cui collaborare. Non so, qui in 2018, come potrebbero correre un tale rischio con un laico, così pazzo ...

Cercava una sedia a rotelle, spinta barelle, ha fatto di tutto per aiutare.

Portato l'acqua ad un paziente, gli infermieri messo in guardia circa il siero che era finita, la vena che era stato perso, imparato molto circa la routine di un ospedale e lo devo ad ogni persona che ha avuto il privilegio di servire.

Nel frattempo, il Waldir peggiorava ogni giorno. Ma io non ricordo di aver visto o sentito un lamento, una lacrima di dolore, niente. A senza nome la dignità, il coraggio, per me, completamente sconosciuto.

Dopo tanto lavoro con Waldir, ho ricevuto un fine settimana come regalo.

Sono stato in grado di recensire alcune persone che amo ancora (oggi, a 2081, non so), impegnandomi a tornare lunedì.

Confesso che è stato un sollievo.

Ero stanco di vedere dolore, sofferenza, angoscia e sensazione di impotenza. È stato un weekend in cui avrei dovuto rilassarmi.
Ma non potevo. Stavo pensando a Waldir tutto il tempo.

Lo stanno nutrendo?
Lo hanno fatto il bagno?
È ben curato?
Pensa che l'abbia abbandonato?
E '?
E '?
Lo sarà

E 'stato un mare di domande e, il Lunedi, crollato a tifosi di casa, in cerca di lui.

Un sorriso cinico da un altro paziente e notifica:

"Waldir è l'ultimo. Abbiamo persino condiviso le loro cose. Eccolo così ... ".

Ho sparato all'ospedale, al quarto piano, praticamente sono entrato con la forza. Volevo vederlo, per dire qualche parola, abbracciarlo, scusarsi per un errore che aveva commesso ... una stretta di mano, qualsiasi cosa che potesse suggellare la nostra amicizia al momento della sua partenza
.
L'immagine che ho visto era terribile e ho subito capito perché cercare di impedirmi di vederlo.

Waldir non riconosceva più nulla, non poteva vedermi.

Ho guardato le altre persone, altre cose ...

All'interno del nuovo contesto che si stava avvicinando a lui, non intendevo nulla ... mi sarei fermato per un po ', mi sentivo e mi condannavo in un rituale sommario per l'abbandono:

Colpevole!

Lasciai la stanza in silenzio, gli occhi bagnati, il cuore indurito, ferito me stesso e la vita.

Aspiravo ad elevarlo a un livello migliore, dove potevo godere sempre più del dono della vita. Pensavo che il mio "slack" lo avesse ucciso. Ne ero sicuro lì, in quel lugubre momento ...

Mi sono seduto nella sala d'attesa e attese per la notifica. Ci sono voluti più di 19 ore prima che era finita e lui poteva finalmente riposare.

Ho chiamato per la somministrazione di tifosi di casa che mi ha chiesto di prendersi cura di (sic) del funerale.
Non ho mai avuto a che fare con la morte così da vicino. Papers, documenti, certificati e autoptici.
Tubercolosi miliare (disseminata in tutto il corpo), come spiegato a me. Quello ha ucciso Waldir.
Dopo tre giorni, il suo corpo fu liberato, in una bara di cartone, dipinto di nero, fragile come la sua stessa vita, da quelli a basso costo, e noi, l'autista, Waldir e io, andammo a Vila Formosa, dove lui sarebbe rimasto.

Ricordo che l'espressione sul suo volto era serena, perché lo vedevo bene, prima di chiudere la bara ...

Non c'era nessuno che mi aiutasse a portare la bara nella tomba.

L'autista ha rifiutato. Idem, idem i becchini ...

Dopo molte suppliche, ho avuto tre persone che assistevano a un altro funerale per aiutarmi in questo, che era il mio ultimo servizio a Waldir.

Non potevo, perché non avevo un soldo, piantare un fiore in quella tomba, non so nemmeno dove sia ... Il cimitero di Vila Formosa è il più grande del non sapere come scrivere, come registrarsi, come niente. Fino ad allora ero vergine fino alla morte ...

Ricordo di aver soggiornato presso la casa di supporto per alcuni giorni.

Sono andato all'ospedale di Glicério e l'assistente sociale mi ha detto che non potevo permettermi un posto dove stare perché avevo già un posto dove stare.

L'ho ringraziato. E fu un venerdì. Era determinato e sapeva cosa avrebbe fatto. Quel venerdì ho lasciato la casa di supporto.

Ho persino provato una cosa, un tacito moto di angoscia, chiedendo ai miei cari di tenere le mie cose con loro.

Ipo Facto, li hanno tenuti ...

Lunedì lei, l'assistente sociale dell'ospedale di Glicério mi ha trovato addormentato e mi ha chiesto cosa fosse successo.

Dissi: "Che importa? Ora non ho nessun posto dove stare e tu non solo puoi, ma avere il dovere di farmi avere un posto in un'altra casa di supporto ".

Nell'altra casa di supporto, che è soggetta a un altro capitolo, ricordo di aver sognato qualcosa.

Io, credo, ero in un campo, una miserabile foresta da perdere di vista e un Grande Silenzio.

Nel sogno, non avevo paura, ero pacificato, inspiegabile per il mio temperamento di quei giorni ....

Era pieno giorno, il sole mi scaldava e ho visto un uomo di colore (Waldir era nero) e mi guardò, sapeva che questa caratteristica mi è stato conosciuto ed io siamo stati a lungo a guardarlo senza riconoscerlo, chiedendosi chi sarebbe quella persona così strano e così familiare (rileggendolo prima ripubblica qui nel vecchio palazzo dello schienale, un giorno nel mese di febbraio, al termine di 20 decennio del ventunesimo secolo, posso ancora non so se nella schermata memóia o se sullo schermo retina, vederlo !!!!

Fino a quando ha sorriso e ha detto,
-Claudio, sono io, Waldir! Ti abbiamo portato qui così sai che non è colpa tua se il mio biglietto. Sto bene ========= (ocolto por mim) un bianco, completamente sconosciuto (non so se sono bianco) che mi ha aiutato nelle ore e nei giorni più difficili.

Sappi che sto bene e, credimi, non sarai mai più impotente, perché ci sarà sempre uno di noi vicino a te. Detto questo, sorrise, ne fece ancora di più, si voltò e partì, correndo, a un'immensa velocità e io sentii quello che penso che molte persone provarono almeno una volta nella loro vita:

"Essere riportato a una velocità persino spaventosa e mi sono svegliato piangendo ... come piango ora, mentre scrivo questo ... E CRISTO DI NUOVO QUI, nel 21 ° secolo ...

Ogni volta che mi ammalo, penso a lui e mi chiedo se sarebbe stato il mio turno, e anche se per molto tempo ho sempre concluso che sì, Dio è venuto ... e io ho detto di no.
Fino a quando? ... mi chiedevo.

Ho smesso di pensarci per molto tempo

Pubblicazioni correlate

Commenta e socializza. La vita è migliore con gli amici!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Questo sito utilizza i cookie e si può rifiutare questo uso. Ma potresti ben sapere cosa viene registrato in consonanza con il nostro politica sulla privacy