Ultimo

Márcia, un'amica a cui ARTE era in ritardo

L'ARTE era in ritardo per Márcia, in Memorian

Sebbene non fossi più un residente della casa di supporto e, poiché non potevo trovare un lavoro, mi sono offerto volontario al CRT-A e alla casa di supporto, occupandomi di una persona tristemente indebolita, Waldir, che mi ha insegnato molto l'umiltà, quindi, anche se ero un uomo, il suo pene aveva bisogno di essere pulito e io non avrei la faccia di bastone di andare a chiamare un'infermiera perché "nella ragazza non capisco".

Così ho aiutato le persone e ho preso due pasti al giorno, uno al CRT-A e un altro alla casa di supporto, dove ho rifiutato di vivere in quell'inferno. Questo, in un certo senso può sembrare cinico, o persino l'ipocrisia, ma una persona con l'AIDS senza farmaci, senza casa, senza alcun modo per procurarsi il cibo sempre considerare legittima questo espediente, soprattutto nella scena scuro del decennio di 90,

L'ARTE era in ritardo nella seconda metà del decennio 90 del 20 ° secolo

Poi è arrivato il cocktail e con esso, quello che ho chiamato "la fine della prima ondata" (tripla terapia - il cocktail era appena stato impiantato e c'erano ancora molte persone in una situazione di cattiva salute) non era difficile da trovare cosa fare

Anche l'ARV è arrivato in ritardo Waldir

Waldir, che morì pochi giorni dopo 65 vittima di qualcosa che è apparso sul certificato di morte come tubercolosi miliare ed è stata cancellata per essere diffuse tubercolosi in tutto il corpo (un giorno io tifo e raccontare questa altra storia). È morto della povertà Waldir.

Ma non è la storia di Waldir che vengo a raccontare qui, in questa pagina, è quella di Márcia, che ho avuto il piacere di conoscere mentre accompagnavo Waldir.

La "consegna"

Dopo "consegnare" il Waldir per ricevere le loro cure, che sono stati numerosi e hanno tutto il giorno, ero libero di andare a casa e appena arrivato alla ricerca - che nel tardo pomeriggio (il tentativo è quello di mettere in una sedia a rotelle e prendere fino a quando l'ambulanza), che è stato il sostegno a casa, noto come Papa tutto (...), ma piuttosto rimanere in ospedale, girando i corridoi, entrando in ogni stanza, parlando con la gente e avere la possibilità di offrire un bicchiere d'acqua una persona o dimenticato, a volte, per nutrire la mente di qualcuno con qualche speranza che anche io non avevo, e come potete vedere mi sbagliavo. Penso che sia solo mi ha dato speranza che convincente.

Così ho incontrato Lia, Edna, Peter, Angela (19 anni emofilia), molti altri (come quella ragazza che ha avuto complicazioni con toxo e vivere consapevolmente e in posizione fetale, dipendente da tutti per tutto ogni volta); questi tra tanti altri, Marcia, che mi fa salire le lacrime ancora adesso, dopo tanto tempo.

La paura di conoscere

Ha contratto l'HIV da suo marito ed è stata sorpresa da una diagnosi positiva dell'HIV a causa di una serie di infezioni opportunistiche che hanno attaccato e ucciso suo marito in un periodo di 5 mesi.

Tb Non era buono (mi chiedo sempre come una persona comincia a stare male di questo o quello e nessuno si preoccupa di fare un esame più approfondito, mi chiedo anche come la persona è consapevole che qualcosa è sbagliato e lasciarlo andare fino alla fine. Deve essere la paura di sapere.

Ma quando l'ho incontrata, stavo meglio, ho dovuto tornare a piedi, come un anatroccolo portelli (ho sempre detto che a lei, quel sorriso ...), ed era pieno di speranza.

Non era come Ultragas, a giorni alterni, ultragas al cancello

Ma dovevo essere lì tutti i giorni e la somministrazione di farmaci endovenosoa, morde i torturati, non vi era alcuna vena è stato trovato senza 30 ricerca, a pochi minuti 50 ... e così pianse di vedere l'ago (penso che sia ulteriormente peggiorata situazione nelle vene) e ho sempre guidato dal 8 trenta del mattino per cercare di aiutare (l'abbracciò e continuò a parlare senza senso in un orecchio, passò cantato ragazza peloso in 37 anni e lei rideva come un bambino. Salvo ottenere distratto.

E lei "aveva un alto"

Questo durò un 2 pochi mesi ed è stata dimessa.
Mesi dopo, ho già fuori dal sostegno a casa, entrai in CRTA di prendersi cura di me stesso e scese le scale 8 storia, passando per ognuna delle camere e ha finito per ritrovarsi Marcia, che sonnecchiava, gli occhi aperti, piuttosto abbattuto. Così depresso che ero spaventato. Fu anche sorpresa dall'arrivo improvviso di una persona e si svegliò.

La stanchezza ... .. Lo so

Non c'era molto da dire. Io non credo a niente ... e lei mi ha detto questo:

ClaudioSono stanco, non voglio più vivere.

Anche senza speranza, la rimproverò e disse che viveva, che hanno combattuto, che non darebbe ora che era così vicino (cosa?), Che vanno avanti di un giorno in più.

Ho soggiornato con lei per quanto ho potuto, ma ha dovuto lasciare, era un Venerdì e la vita mi ha chiamato fuori farmi pagare obblighi e gli impegni ...

Un ultimo sguardo

Quando stavo lasciando lei mi abbracciò e disse:

Grazie di tutto Claudio.

Cried (voglia di piangere ora) e non ho avuto parole ... E 'stata l'ultima volta che ho visto in vita sulla terra ... morto in casa, insieme con la loro, che si sentiva immensamente sollevato (...)

E 'una storia normale, comune a tutti gli ospedali in tutto il mondo. Solo un dettaglio in questa storia mi rende conto - è:

Lunedi ', la mattina presto, mi precipitai in ospedale, ancora ignaro della sua sorte, e voleva informazioni.

Il frigorifero

Poi Dona Teresa, capo infermiera del day hospital, alcuni anni 55 signora, capelli grigi, occhi felici (l'immagine della nonna) mi ha detto che era morta.

Prima che il mio stupore e la mia tristezza ha detto:

Perché? Sai, è, le persone che vivono con l'HIV e le persone che vivono con l'AIDS, sempre finisce bene ...

Sono stato, per un secondo, per giocare - è al quarto piano, ma ha dato se stessa ...

Mai parlato con lei. Mi sembra che fino ad oggi del tutto assurdo che un operatore sanitario possa essere così insensibile ...

Marcia, caro, so che mi guardi da dovunque tu sia: grazie per le lezioni che mi hai dato e per la fortunata opportunità di servire e ricominciare, dopo un RESET, per imparare ad amare

Annunci

.Com - Top Blog Salute 2013 Juri Acadêmico

Ti piace il nostro lavoro? Ti ha aiutato in qualche modo? Se questo è vero, sono già felice. Ma ha un costo ed è difficile da mantenere. Una volta. Solo una volta nella vita chiedo di sostenere. E non permettere a nessuno altro di farlo. Se hai saputo quanto è raro un contributo è !!!!!

Supporto per Blog Soropositivo.org

Non è facile aggirare questo livello. Il tuo aiuto conta molto. "

10.00 BRL

Questa è la mia storia medica ormai superata! Sì! Sì! Ci sono state complicazioni !!!

Informazioni su Claudio Souza do Soropositivo.Org (articoli 508)
Sì, questa è la mia foto! Mia nipote mi ha chiesto di mettere questa foto sul mio profilo! .... Ho avuto qui una descrizione di me che una persona ha descritto come "irriverente". Questo è davvero un modo eufemico per classificare ciò che era qui. Tutto quello che so è che una "ONG", che occupa un edificio di storia 10 ha collaborato con me, e ho i log del tempo partenariato, che era un altro vampirismo perché per ogni popolo 150 che escono del mio sito, cliccandoci sopra, c'era, in media, uno che arrivava. QUANDO SONO STATO ENTRATO E INSERITO

4 Trackbacks / Pingbacks

  1. Paura dell'HIV e invecchiamento? Smetti di fumare: sieropositivo. Org
  2. finestra immunitario, i fatti in 04 / 08 / 17 Ministero della Salute Standards
  3. Claudio Souza - L'editore del sito »IL REATTIVO NON È UNA FRASE DI MORTE
  4. Linee guida per il sesso sicuro: Punto 1: Preservativi presuntivi · Mi piace Ricevuti Mi piace ricevuti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

WhatsApp WhatsApp Us

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

%d Bloggers come questo: