Testimonianza di persone che vivono con l'HIV Células cd4 Storie Positivi Finestra Immune

Márcia: l'ARTE è arrivata tardi

Marcia. L'ARTE è in ritardo per te

Tarv arrivò, ma Marcia aveva già combattuto troppo memoias-postumi-de-reggiseni-serbatoi

Marcia aveva già sofferto troppo, preso troppi morsi, pianto troppo e per fortuna l'ho fatta ridere un po '. Ma alla fine, era troppo non amata.

E solo per ragazzi come me, incasinato.

Tanto che io, il patso, mi sono reso conto che l'ho amata solo un giorno dopo ...

Il giorno dopo la sua partenza

L'ARTE era in ritardo per Márcia, in Memorian

L'ARTE è arrivata in ritardo per molti
In ritardo o no, lo sapevi!

Sebbene non fossi più un residente della casa di supporto e, poiché non potevo trovare un lavoro, mi sono offerto volontario al CRT-A e alla casa di supporto, occupandomi di una persona tristemente indebolita, Waldir, che mi ha insegnato molto l'umiltà, quindi, anche se ero un uomo, il suo pene aveva bisogno di essere pulito e io non avrei la faccia di bastone di andare a chiamare un'infermiera perché "nella ragazza non capisco".

Così, Ho aiutato le persone e ho preso due pasti al giorno, uno al CRT-A e un altro alla casa di supportodove mi sono rifiutato di vivere in quell'inferno. Questo in qualche modo può sembrare cinico o addirittura ipocrisia. Ma una persona con AIDS, senza farmaci, senza fissa dimora, incapace di nutrirsi considererà sempre questo espediente lecito. Soprattutto nello scenario oscuro del decennio 90!

L'ARTE era in ritardo nella seconda metà del decennio 90 del 20 ° secolo

Poi è arrivato il cocktail, l'ARTE, e con esso quello che ho chiamato "la fine della prima ondata" (la tripla terapia - il cosiddetto cocktail - era appena stata impiantata e c'erano ancora molte persone in cattive condizioni di salute) Non è stato difficile trovare cosa fare.

Anche l'ARV è arrivato in ritardo Waldir

Anche se non facevo parte del pubblico di destinazione, ho avuto un Supporto House Brenda Lee, il mio ex manager, Elisabete.

Waldir, morto alcuni giorni dopo 65 come vittima di qualcosa che appariva sul certificato di morte come tubercolosi miliare.

Mi è stato detto di essere una tubercolosi diffusa.

Un giorno mi emoziono e racconto questa altra storia. Morto di povertà il Waldir.

Mi sono emozionato e ho detto che il link è proprio accanto! L'ARTE può fare poco per lui!

Nel tempo, ho imparato molto tempo fa che tutto, anche con l'ARTE, è come Dio desidera!

Ma non è la storia di Waldir che vengo a raccontare qui, in questa pagina.

È la mia storia con Marcia, che ho avuto il piacere di incontrare accompagnando Waldir.

Il “parto” di Waldir, già nella stagione della terapia antiretrovirale

Dopo aver "consegnato" Waldir per ricevere le sue numerose cure, che lo hanno portato tutto il giorno, ero libero di tornare a casa e prenderlo solo nel tardo pomeriggio.

Cerca qui è mettere la sedia a rotelle e portarla in ambulanza.

Quello proveniva dalla casa di sostegno, conosciuta come Papa tutto (...).

Ma preferiva rimanere in ospedale, girando per i corridoi, entrando in ogni stanza, parlando con la gente e avendo la possibilità di consegnare un bicchiere d'acqua dimenticato in una stanza.

E a volte per nutrire lo spirito di qualcuno con qualche speranza di non avere me stesso. Nonostante l'esistenza di ART a quel tempo, le mie condizioni generali non erano le migliori.

Sono stata molto meglio di tante, innumerevoli !!!

E come puoi vedere, mi sono sbagliata molto su ART.

Io penso Ho dato tanta speranza che ho finito per convincermi.

Così ho incontrato Lia, Edna, Peter, Angela (19 anni emofilia), molti altri (come quella ragazza che ha avuto complicazioni con toxo e vivere consapevolmente e in posizione fetale, dipendente da tutti per tutto ogni volta); questi tra tanti altri, Marcia, che mi fa salire le lacrime ancora adesso, dopo tanto tempo.

La paura di conoscere

Ha contratto l'HIV da suo marito ed è stata colta alla sprovvista da una diagnosi positiva di HIV a causa di una serie di infezioni opportunistiche che hanno attaccato e ucciso suo marito per un periodo di 5 mesi.

Dannazione Amarillide era una vittima e anche suo marito! Il tempo tra contagio e capacità di trasmissione è zero!

Neanche lei era simpatica (mi chiedo sempre come una persona cominci ad ammalarsi di questo o quello e nessuno si preoccupa di dare un'occhiata più da vicino.

E chiedo anche come la persona non si rende conto che qualcosa non va e lascia andare fino alla fine.

Deve essere la paura di sapere, perché Il test è sempre stato affidabile!

Ma quando l'ho incontrata, stavo meglio, ho dovuto tornare a piedi, come un anatroccolo portelli (ho sempre detto che a lei, quel sorriso ...), ed era pieno di speranza.

Non era come Ultragas, a giorni alterni, ultragas al cancello

Ma dovevo essere lì ogni giorno e farmi le medicine per via endovenosa; i morsi la torturavano, non c'era più la vena che si potesse trovare senza una ricerca di 30, 50 minuti ... e piangeva solo vedendo l'ago (penso che le peggiorasse le vene) e sono sempre passato 8 e mezzo al mattino per cercare di aiutare (l'abbracciò e continuò a parlare senza senso nell'orecchio, cantò pelosa sulla ragazza di trentasette anni e lei rise come una bambina. Almeno distratta. E ci sono quelli che non voglio morire di "vont'AIDS"

E lei "aveva un alto"

Questo durò un 2 pochi mesi ed è stata dimessa.
Mesi dopo, ho già fuori dal sostegno a casa, entrai in CRTA di prendersi cura di me stesso e scese le scale 8 storia, passando per ognuna delle camere e ha finito per ritrovarsi Marcia, che sonnecchiava, gli occhi aperti, piuttosto abbattuto. Così depresso che ero spaventato. Fu anche sorpresa dall'arrivo improvviso di una persona e si svegliò.

La stanchezza ... .. Lo so

Non c'era molto da dire. Io non credo a niente ... e lei mi ha detto questo:

ClaudioSono stanco, non voglio più vivere.

Anche senza speranza, la rimproverò e disse che viveva, che hanno combattuto, che non darebbe ora che era così vicino (cosa?), Che vanno avanti di un giorno in più.

Ho soggiornato con lei per quanto ho potuto, ma ha dovuto lasciare, era un Venerdì e la vita mi ha chiamato fuori farmi pagare obblighi e gli impegni ...

Un ultimo sguardo

Quando stavo lasciando lei mi abbracciò e disse:

Grazie di tutto Claudio.

Ho pianto (mentre piango ora) e non avevo parola ... Era l'ultima volta che l'ho vista nella vita sulla Terra ... È morta a casa con lei, che sono stati immensamente sollevati (...).

E 'una storia normale, comune a tutti gli ospedali in tutto il mondo. Solo un dettaglio in questa storia mi rende conto - è:

Lunedi ', la mattina presto, mi precipitai in ospedale, ancora ignaro della sua sorte, e voleva informazioni.

Il frigorifero

Poi Dona Teresa, capo infermiera del day hospital, alcuni anni 55 signora, capelli grigi, occhi felici (l'immagine della nonna) mi ha detto che era morta.

Prima che il mio stupore e la mia tristezza ha detto:

Perché? Sai, è, le persone che vivono con l'HIV e le persone che vivono con l'AIDS, sempre finisce bene ...

Sono stato, per un secondo, per giocare - è al quarto piano, ma ha dato se stessa ...

Mai parlato con lei. Mi sembra che fino ad oggi del tutto assurdo che un operatore sanitario possa essere così insensibile ...

Se hai bisogno di parlare e non riesci a trovare me o Beto Volpe, questa è un'opzione molto più equilibrata, Beto, puoi anche inviare il tuo messaggio. Forse posso prendere un po 'di tempo. Controllo i messaggi a mezzogiorno, poco dopo, in effetti, alle 20:00.
Sta diventando sempre più difficile per me, tutta questa faccenda, scrivere.
E finisco per aver bisogno di un intervallo tra un paragrafo e l'altro.

Ma assicurati di una cosa che ho imparato:

Tempo e pazienza risolvono praticamente tutto!
----------------------------



Vita privata Quando invii questo messaggio, è implicito che hai letto e accettato le nostre politiche sulla privacy e sulla gestione dei dati [/ accettazione]

Letture consigliate su questo blog

Suggerimenti di lettura

4 Sembra che qui stia iniziando un dibattito! unirsi

Hi! La tua opinione è sempre importante. hai qualcosa da dire? È qui! Domande? Possiamo iniziare qui!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Automattic, Wordpress e Soropositivo.Org e io facciamo tutto quanto in nostro potere per quanto riguarda la tua privacy. E stiamo sempre migliorando, migliorando, testando e implementando nuove tecnologie di protezione dei dati. I tuoi dati sono protetti e io, Claudio Souza, lavoro su questo blog 18 ore o giorno per, tra le altre cose, garantire la sicurezza delle tue informazioni, poiché conosco le implicazioni e le complicazioni delle pubblicazioni passate e scambiate. Accetto l'informativa sulla privacy di Soropositivo.Org Conosci la nostra politica sulla privacy

Hai bisogno di chattare? Cerco di essere qui al momento in cui ho mostrato. Se non rispondo, era perché non potevo. Una cosa di cui puoi essere sicuro. Finisco sempre per rispondere
%d Bloggers come questo: