Diversi nuovi candidati nella pipeline di farmaci per l'HIV discussi durante la conferenza

Kirsten Bianco a CROI 2017. Foto di Liz Highleyman, hivandhepatitis.com
Kirsten Bianco a CROI 2017. Foto di Liz Highleyman, hivandhepatitis.com

La Conferenza sui Retrovirus e le infezioni opportunistiche quest'anno (CROI 2017) ha tenuto il mese scorso a Seattle, incluso presentazioni su diversi nuovi farmaci antiretrovirali in fase di sviluppo, che riflette una pipeline più robusta di quanto abbiamo visto negli ultimi anni.

Anche se la terapia antiretrovirale moderno (ART) è altamente efficace e ben tollerato dalla maggior parte delle persone che vivono con l'HIV sono i farmaci più disponibili che funzionano in modi diversi, offre più opzioni per lo sviluppo di sistemi ottimali.

Alcuni degli agenti sperimentali discussi a CROI rappresentano nuove classi di farmaci che agiscono a differenza di farmaci antiretrovirali esistenti, compresi Gli inibitori del capside (si apre in un'altra scheda, in un altro sito, in portoghese) in studi iniziali e Gli anticorpi monoclonali (Si apre in wikipedia) ora in fase di sperimentazione umana in ritardo.

modello molecola Anticorpo monoclonale

Altre presentazioni sono concentrati sui candidati di nuova generazione nelle classi antiretrovirali famiglia. Dal momento che i farmaci ampiamente utilizzati sono molto efficaci per il trattamento di HIV, i ricercatori sono alla ricerca di vantaggi incrementali nelle aree di maggiore tollerabilità e la convenienza - farmaci più a lungo ad azione - così come nuove opzioni per la profilassi pre-esposizione o PrEP HIV.

GS-9131

inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa / inibitori nucleotidici (NRTI) l'aggiunta di un blocco funzionale edificio difettoso, che terminano il filamento di DNA quando la trascrittasi inversa del virus HIV enzima tenta di copiare il materiale genetico virale.

Kirsten Bianco, Gilead Sciences, ha presentato i risultati di GS-9131, un NRTI che funziona contro l'HIV con resistenza ad altri farmaci di questa classe.

GS-9131 è un profarmaco analogici GS-9148 nucleotidi adenosina. Tenofovir disoproxil fumarato Gilead alafenamida e tenofovir sono anche gli analoghi di nucleotidi adenosina; Tutti gli altri NRTI approvato sono analoghi nucleosidici, che richiedono una fase di lavorazione aggiuntiva per diventare attivo.

Il GS-9131 viene convertito attivi difosfato GS-9148 nei linfociti. Sembra avere un basso potenziale tossicità mitocondriale e accumulo minimo nei reni, che è uno svantaggio di tenofovir.

In colture di cellule in laboratorio, GS-9131 mostrato una potente attività contro tutte le principali sottotipi di HIV-1 (A, B, C, D, E, F, O gruppo e N) e contro HIV-2. Il potere non è stata influenzata da mutazioni di resistenza agli NRTI, tra cui K65R, M184V, mutazioni multiple analogiche di timidina o inserirà T69. Ho avuto una elevata resistenza barriera con mutazioni multiple richieste per impartire ridotta sensibilità. E 'stato dimostrato additivo all'attività sinergica, e finora nessun interazioni farmacologiche con diversi altri antiretrovirali.

"Il GS-9131 è un candidato interessante per un dosaggio giornaliero in combinazione con altri farmaci antiretrovirali in pazienti con resistenza a NRTI e limitate opzioni di trattamento", i ricercatori hanno concluso.

MK-8591

Un paio di studi ha esaminato l'MK-8591 Merck EFDA anche conosciuto come un inibitore della transcriptasi inversa nucleosidico della traslocazione lunga durata d'azione, che si lega al sito attivo della polimerasi trascrittasi inversa dell'HIV.

La ricerca presentata al CROI l'anno scorso ha dimostrato che MK-8591 era molto potente in studi su animali ed esseri umani. Una singola dose orale prodotte concentrazioni del farmaco intracellulari desiderate per più di una settimana e una formulazione iniettabile di azione prolungata possono mantenere livelli farmacologici efficaci più di sei mesi.

Jay Grobler Merck ha riferito che MK-8591 ha raggiunto alte concentrazioni nel tessuto linfoide nei topi, suggerendo la possibilità di combattere la replicazione dell'HIV nei linfonodi. Il farmaco ha anche mostrato una buona distribuzione per i tessuti rettali e vaginali nelle scimmie, mettendo in luce il loro potenziale idoneità per la preparazione.

"I livelli di MK-8591- [trifosfato] raggiunto nel tessuto rettale e vaginale sono paragonabili ai livelli di difosfato tenofovir osservata nel tessuto rettale di esseri umani trattati con tenofovir disoproxil fumarato [TDF]", ha concluso i ricercatori. "Dato il significativamente maggiore potere MK-8591 (IC50 = 0,2 nM) rispetto a TDF (IC50 = 73 nM), questi dati suggeriscono MK-8591 utili per la profilassi in uomini e donne."

In uno studio separato, i ricercatori hanno dimostrato che la Merck MK-8591 è anche un inibitore molto potente del virus HIV-2. Il farmaco è circa cinque volte più attivo contro l'HIV-2 che contro l'HIV-1 e il virus con certe mutazioni di resistenza antiretrovirali è stato considerato "ipersensibili" per MK-8591.

Elsulfavirine

Robert Murphy della Northwestern University e colleghi hanno presentato i risultati di un nuovo inibitore della trascrittasi inversa non nucleosidici (NNRTI), Elsulfavirine o VM1500A, in fase di sviluppo da San Diego a base di Viriom.

Dopo gli studi promettenti iniziali, una dose orale di 20 mg una volta al giorno Elsulfavirine Elpida profarmaco è stato selezionato per ulteriori studi. Il farmaco sembra avere un potenziale di azione prolungata, con una emivita di circa otto giorni.

I ricercatori hanno condotto una fase di sperimentazione clinica 2b a confronto una volta al giorno Elpida contro efavirenz (Sustiva), entrambi con tenofovir DF / emtricitabina (i farmaci di Truvada) in 120 persone con l'HIV, non precedentemente trattati.

Alla settimana della terapia 48, 81% dei recettori Elpida e 74% dei destinatari efavirenz avuto HIV RNA <50 copie / ml. Tra i partecipanti con carica virale al basale sopra 100.000 copie / ml, i tassi di risposta sono stati 78 68% e, rispettivamente. Nessun ricevitore sofferto fallimento virologico, definito come due carichi virali consecutivi sopra 400 copie / ml.

Gli eventi avversi correlati al farmaco sono stati circa la metà più frequenti nel gruppo Elpida rispetto al gruppo con efavirenz (37% vs 78%, rispettivamente), e un solo ricevitore Elpida interrotto in anticipo a causa di eventi avversi rispetto a sette gruppo con efavirenz. Lo stesso si osserva per gli effetti collaterali del sistema nervoso centrale (27 50% vs%, rispettivamente).

"Questa settimana di studio ha mostrato 48 virologica e immunologica efficacia equivalente di regimi d'arte tra cui Elpida o efavirenz in pazienti infetti da HIV-infetti 1 con HAART," hanno concluso i ricercatori. "Elpida è stata significativamente più sicuro che la terapia a base di efavirenz, offrendo una meglio tollerato alternativa al trattamento con efavirenz."

Sulla base di questi risultati, il Viriom sta ora testando formulazioni di Elsulfavirine iniettato una volta alla settimana per via orale e agisce più a lungo, e coformulações, secondo un comunicato stampa da parte della società.

GS-PI1

Per quanto riguarda gli inibitori della proteasi dell'HIV, John collegamento risultati Gilead presentati su GS-PI1, un nuovo inibitore della proteasi con un potenziale di somministrazione orale una volta al giorno non rinforzato.

Anche se Gilead dominano il mercato dei farmaci anti-HIV, in generale, non ha un inibitore della proteasi approvato. inibitori della proteasi esistenti devono essere utilizzati con un farmaco-enhancer o di richiamo, che aumenta la probabilità di interazioni con altri farmaci.

GS-PI1 mostrato una potente attività contro l'HIV in colture cellulari di laboratorio. Aveva una maggiore attività contro il virus resistente di atazanavir (Reyataz) o darunavir (Prezista). Abbiamo avuto una barriera ad alta resistenza in vitro. GS-PI1 ha mostrato una buona biodisponibilità orale e emivita ore 13-14 in ratti e cani.

GS-PI1 "rappresenta una nuova generazione di inibitori della proteasi dell'HIV con un potenziale di combinazione in un'unica pillola", ha concluso i ricercatori.

Cabotegravir

Infine, guardando alle inibitori dell'integrasi, i ricercatori hanno presentato i dati su una nuova formulazione di cabotegravir usando nanoparticelle di lunga durata.

Come riportato in precedenza, il iniettabili a lunga azione cabotegravir più rilpivirina dato una volta ogni quattro a otto settimane mantenuto la soppressione virale alla settimana 48 nelle persone che hanno cambiato schemi standard d'arte con una carica virale non rilevabile. solo iniettabile Cabotegravir è anche in fase di studio per la preparazione, ma i ricercatori hanno scoperto che il farmaco è stato assorbito più velocemente del previsto, il che significa PrEP probabilmente dovrebbe essere data ogni due mesi anziché ogni tre.

La nuova formulazione di cabotegravir chiamato NMCAB, amministra il farmaco in piccole particelle progettate per rilasciarlo più lentamente. In colture cellulari di laboratorio, NMCAB è stato efficacemente assorbito dai macrofagi, con lento rilascio prolungato nei giorni 30. Ha mostrato attività antiretrovirale sostenuta per un massimo di 30 giorni - migliori rispetto alla formulazione precedente di cabotegravir iniettabili. Il NMCAB stato eliminato più lentamente nei topi, con conseguente livelli farmacologici per 300 volte superiore a sei-otto settimane dopo l'iniezione di quella osservata con i precedenti formulazione.

I ricercatori hanno indicato che stanno lavorando anche su una formulazione di nanoparticelle lunga durata d'azione inibitore dell'integrasi ampiamente usato controllato Dolutegravir (Tivicay).

Liz Highleyman

Prodotti per la Aidsmap in collaborazione con hivandhepatitis.com

Pubblicato: 15 marzo 2017

Hai ricevuto il tuo reagente diagnostico e hai paura? Pensi che la tua vita sia finita? Stai avendo pensieri "del tipo senza nozione "?

Hai bisogno di avere le tue speranze!

Comprendi che la mia capacità di recupero è stata costruita un giorno alla volta, una malattia dopo l'altra, una SUSAN DOPO L'ALTRO!

La resilienza non è qualcosa con cui sei nato! ROW IT! Uno dopo l'altro. Ad ogni caduta segue inevitabilmente un nuovo rimbalzo!

In sintesi:

Alzati

Scuoti la polvere!

E girati!

Il tuo medico, il tuo medico può fare molto per te!

La tua famiglia, se ne hai, perché non ce n'è uno rimasto per me, possono o non possono fare qualcosa per te.

Dio potrebbe fare tutto per te!

Ma sta a te decidere di andare avanti o sedere sul marciapiede!

Pensi che parli troppo? Si prega di leggere la mia storia medica obsoleta! 🙂 Potrebbe volerci un po 'di tempo!

E per quanto riguarda la salute, è un diritto di tutti e un dovere dello Stato

Annunci

Pubblicazioni correlate

Recensione 1

Diversi nuovi candidati nella pipeline di droga dell'HIV discussi al Test HIV dell'HIV Test! Org - C'è vita con l'HIV !!! | METAMORFASE 20 20America / Sao_Paulo March 20America / Sao_Paulo 2017 su 12: 26

[...] Fonte: diversi candidati nella pipeline dell'HIV discussi alla conferenza Mettiti alla prova per ... [...]

Rispondere

Commenta e socializza. La vita è migliore con gli amici!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Soropositivo.Org, Wordpress.com e Automattic fanno tutto ciò che è alla nostra portata per quanto riguarda la tua privacy. Puoi saperne di più su questa politica in questo link Accetto l'informativa sulla privacy di Soropositivo.Org Leggi tutto in Informativa sulla privacy

%d blogger come questo: