PREP tenofovir disoproxil fumarato

PrEP può ridurre ulteriormente il rischio di infezione da HIV dopo l'inizio del trattamento socio

Questo è stato un momento terribile per vedere e vivere. Anche se non sono stato "raccolto" a questo punto della storia, in un modo o nell'altro, una volta raccolte, ho passato SOG vivo l'ombrello di "se c'è domani". E ho visto scene simili a questo "molto spesso"
Jared Baeten presentando a AIDS 2016
Jared Baeten. Foto di Jan Brittenson, hivandhepatitis.com
offerta Truvada in un regime di profilassi pre-esposizione (PrEP) per il partner HIV negativo in una coppia sierodiscordante durante i primi sei mesi dopo il partner HIV positivo che inizia la terapia antiretrovirale (ART) può fungere da "ponte" per fornire una maggiore protezione contro l'infezione da HIV, i ricercatori hanno riportato ieri a 21 Conferenza internazionale sull'AIDS (AIDS 2016) a Durban, in Sud Africa.

Studi hanno dimostrato che l'efficacia del trattamento antiretrovirale riduce drasticamente il rischio di trasmissione di HIV in seguito - un concetto noto come "il trattamento e la prevenzione" - PrEP e ha ridotto il rischio di infezione nel corso 90% viene preso in modo coerente.

I primi partner HIV negativi dello studio PrEP in coppie eterosessuali eterosessuali che il dott. Baeten inizialmente presentato alla conferenza della Conferenza internazionale AIDS Society in 2011, sono stati assegnati in modo casuale in Kenya e Uganda per ricevere tenofovir / emtricitabina (componenti di Truvada), tenofovir senza co-formulazione o placebo. (Nel momento in cui ciò avvenne, le linee guida dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e il paese raccomandarono di iniziare l'ART sulla base del numero di cellule CD4 e non di tutte le diagnosi di HIV).

Follow-up con il Partner Studio dimostrazione e PrEP, lo scopo di mostrare se a combinazione integrata di PrEP i partner negativi più il partner positivo ART potrebbero ridurre ulteriormente il rischio di trasmissione dell'HIV. Con il tempo questo studio è stato avviato nel novembre 2012 c'era ampia evidenza che sia PrEP e il trattamento come prevenzione (TASP - Acronimo di trattamento per la prevenzione - trattamento come prevenzione in traduzione libera) sono state efficaci, in modo che tutti i partecipanti hanno ricevuto i due interventi su base open source (non casuale).

Il progetto dimostrativo è stato condotto in quattro centri in Kenya e Uganda che hanno ospitato i partner iniziali dello studio randomizzato di preparazione, ma sono stati iscritta una nuova coorte di 1013 coppie eterosessuali sierodiscordanti in cui nessuno dei due partner aveva mai preso farmaci antiretrovirali.

L'età media dei partecipanti era di 30 anni. In due terzi delle coppie la donna era il partner sieropositivo. I partner positivi hanno una media delle cellule CD4 delle cellule 436 / mm3 e la carica virale media in più di 37.000 copie / ml. La maggior parte (65%) ha dichiarato di aver avuto rapporti sessuali non protetti il ​​mese scorso.

Dopo l'arruolamento, al partner HIV-positivo è stata offerta la combinazione ART in conformità con le linee guida nazionali - meno di 350 cells / mm3 fino a metà-2013 e successivamente il trattamento universale - mentre il partner HIV-negativo è stato offerto quotidianamente Truvada. La PrEP è stata continuata mentre il partner positivo ha ritardato l'inizio del trattamento nei primi sei mesi dopo l'inizio della HAART, consentendo il passare del tempo in modo che la carica virale non fosse rilevabile; La PrEP è stata estesa se il partner positivo aveva interruzioni del trattamento o scarsa aderenza.

Il progetto dimostrativo misurato le coppie selezionate sulla base di un algoritmo di punteggi di rischio che sono stati 1 10 a seconda predittori di rischio di infezione da HIV, inclusi giovani coppie in accordi di convivenza piuttosto che il matrimonio, il sesso recente non protetto, i partner maschi non circoncisi e i partner positivi con un'alta carica virale; le coppie con un punteggio uguale a 5 o superiore erano idonee per lo studio.

Alla 2015 Conference su Retroviruses e Infezioni opportunistiche (Ends), Dr. Baeten ha riportato risultati intermedi, mostrando che due partner HIV-negativi inizialmente sieroconversarono. Invece di un braccio placebo, i ricercatori hanno usato il tasso di incidenza nel braccio originale placebo di partner randomizzati dello studio PrEP per stimare che 40 nuove infezioni sarebbero state previste in assenza di ART e PrEP - una riduzione di rischio di 96%.

Questa settimana Dr Baeten ha mostrato risultati aggiornati con i dati definitivi a giugno 2016, riflettendo circa 1700 persona-anno di follow-up.

Mappa del mondo globo con le icone di AIDS

A questo punto, 91% del partner positiva aveva iniziato ART e quasi tutti aveva raggiunto la soppressione virale (<400 copie / ml) - (NdR: E 'evidente mancanza di rispetto per il trattato di Helsinki, che fornisce l'oggetto di ricerca il miglior trattamento (20%) dei partner negativi a cui è stata offerta la PrEP lo ha accettato. I RISULTATI in ARTE solitaria (...) sono stati 97% nel periodo di follow-up, solitario in prep 39% sovrapposizione ART e PrEP al 20% né né ART PrEP al 33%.

Alla fine del follow-up di quattro nuove infezioni da HIV si è verificato, rispetto al previsto 83 senza ART o PrEP, per una riduzione del rischio relativo di 95%. La protezione era simile indipendentemente dal sesso, dall'età o dal pretrattamento della carica virale, mentre l'aderenza a PrEP e ART era buona durante il progetto dimostrativo. Tra i partner di pazienti HIV-negativi che hanno iniziato la PrEP e sono stati selezionati in modo casuale per testare il livello sierico di concentrazione del farmaco, il 82% di campioni di sangue mostrava livelli rilevabili di tenofovir

Tuttavia, nessuno degli individui contagiati in realtà fanno uso di HAART e PrEP costantemente - e in realtà erano in coppie che non hanno utilizzato questi recursosá

Una donna aveva rotto con il suo partner positivo e si fermò preparazione, mentre una seconda donna aveva un partner che non ha voluto iniziare il trattamento e si fermò PrEP; né la donna aveva un concentrazioni sieriche rilevabili di tenofovir nel campione di sangue al momento dell'infezione. Una terza donna era una lavoratrice del sesso facendo uso incoerente di prep. L'unico uomo che ha avuto l'infezione era diminuito l'uso di PrEP e avuto più partner sessuali.

"In questo disegno aperto a dimostrare la fornitura integrata di trattamento ARV e di preparazione per la prevenzione dell'HIV tra le coppie discordanti, Osserviamo l'eliminazione virtuale di incidente HIV", Hanno concluso i ricercatori.

"Interventi come questo potrebbero avere un effetto sostanziale sull'epidemia di HIV", ha detto il dottor Baeten alla conferenza stampa della Conferenza sull'AIDS a 2016:

"Per quanto riguarda PREP ART sono interventi molto importanti potrebbe eliminare virtualmente la trasmissione dell'HIV (Sic). "

Vi è di più per essere visto questo link e ti consiglio di leggere

Liz Highleyman

Prodotto in collaborazione con hivandhepatitis.com

Inserito in AIDSMAP all'indirizzo: 21 July 2016

Tradotto Claudio Souza in 04 di 2016 dell'originale in: PrEP può ridurre ulteriormente il rischio di infezione da HIV dopo un partner inizia trattamento. Inviato da Mara Macedo

Questa è una storia che pochi possono raccontare!

Questo è l'unico blog "Still ON LINE" ad aver ricevuto questo premio e questa consacrazione. Il blog che ha raggiunto lo stesso status era Solidariedaids, di Paulo Giacommini. Sfortunatamente non riesco a trovare il collegamento e la comunicazione questo ed è molto difficile
Soropositivo.Org
Blog unico on line che tratta questo tema per aver ricevuto questo premio dalla giuria accademica


Letture consigliate su questo blog

Suggerimenti di lettura

Hi! La tua opinione è sempre importante. hai qualcosa da dire? È qui! Domande? Possiamo iniziare qui!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Automattic, Wordpress e Soropositivo.Org e io facciamo tutto quanto in nostro potere per quanto riguarda la tua privacy. E stiamo sempre migliorando, migliorando, testando e implementando nuove tecnologie di protezione dei dati. I tuoi dati sono protetti e io, Claudio Souza, lavoro su questo blog 18 ore o giorno per, tra le altre cose, garantire la sicurezza delle tue informazioni, poiché conosco le implicazioni e le complicazioni delle pubblicazioni passate e scambiate. Accetto l'informativa sulla privacy di Soropositivo.Org Conosci la nostra politica sulla privacy

WhatsApp WhatsApp Us
%d Bloggers come questo: