"Il trattamento come prevenzione (TASP)": grande studio non riesce a mostrare un impatto positivo sulla riduzione nuove infezioni da HIV

Immagine predefinita
HIV pazienti persone
, Blog soropositivo. Org
François Dabis all'AIDS 2016. Foto di International AIDS Society / Abhi Indrarajan

Il primo importante studio di ricerca "test and treat" come intervento di sanità pubblica per riportare i suoi risultati finali, ha scoperto che la strategia non è riuscita a ridurre le nuove infezioni da HIV nelle comunità in cui è stata fornita.

Parlando a 21st Conferenza Internazionale sull'AIDS (AIDS 2016) Venerdì a Durban, in Sudafrica, François Dabis dell'Università di Bordeaux ha dichiarato che la raccolta di dati per lo studio ANRS 12249 è stata completata solo un mese fa. Pertanto, il suo team non è stato ancora in grado di approfondire i dati per spiegare i risultati.

Ma è già evidente che molte persone con diagnosi di HIV non si sono collegate alle cure mediche o hanno impiegato molti mesi per farlo. Solo il 49% delle persone diagnosticate è stato sottoposto a trattamento.

Lo studio ha avuto molto più successo in termini di test dell'HIV per le persone che ne avevano bisogno: il 92% delle persone con HIV conosceva il proprio status. E il trattamento è stato altamente efficace in coloro che lo hanno aderito costantemente, con il 93% che ha raggiunto una carica virale non rilevabile. Questi risultati sono stati ottenuti in una povera area rurale di KwaZulu-Natal, in Sudafrica.

, Blog soropositivo. Org, Blog soropositivo. Org, Blog soropositivo. Org, Blog soropositivo. Org

Quindi, in termini di obiettivi, lo studio 90-90-90 ha ottenuto 92-49-93. La debolezza cruciale nella fase intermedia può spiegare la mancanza di impatto sulle nuove infezioni da HIV. Ma i motivi per una scarsa cura dell'articolazione dovranno essere scompattati.

Scopo dello studio con TasP (Trattamento come prevenzione)

Lo scopo di questo studio ANRS 12249 per scoprire l'efficacia del trattamento dell'HIV come prevenzione (TasP) è un intervento a livello di popolazione in una comunità africana fortemente gravata dall'HIV.

Considerando che studi come HPTN052 e Partner hanno esaminato l'impatto del trattamento dell'HIV su individui e coppie, questo è il primo di cinque enormi studi randomizzati per esaminare l'impatto della misura adottata su larga scala sulla popolazione con l'intervento della TasP o "trattamento come prevenzione" universale nei paesi africani ”. Lo scopo di questo studio era verificare se l'approccio sarebbe stato in grado di consentire "la" consegna del trattamento e se sarebbe "accettabile per le comunità locali", ma il suo obiettivo principale era ridurre il numero di nuove infezioni.

Pertanto, l'outcome primario era l'incidenza dell'HIV, misurata nella popolazione generale.

, Blog soropositivo. OrgLo studio, che è stato condotto nel sotto-distretto Hlabisa di KwaZulu-Natal. Situato a tre ore di auto da Durban, tre persone su dieci (30%) che vivono lì vivono con l'HIV - la più alta prevalenza in Sudafrica e una delle più alte al mondo. Precedenti studi osservazionali nell'area avevano dimostrato che nei quartieri in cui la maggior parte delle persone con HIV erano in terapia antiretrovirale (ART), il numero di nuove infezioni era inferiore. Tuttavia, questo approccio potrebbe essere applicato efficacemente su "larga scala" e migliorare ulteriormente i risultati? (Nota del traduttore: lo vedo con occhi preoccupati, perché per una dittatura della droga questo è solo un altro passo e un passo interessante per alcuni "settori delle nostre società ben equilibrate")

Progettazione dello studio e interventi domestici per TasP

Questo era uno studio di cluster controllati randomizzati, in cui le unità di randomizzazione erano aree geografiche (cluster * Un termine che, in Informatica, designa raggruppamenti di settori su un disco rigido (hd) o un gruppo di 4 o più macchine in sincronia, lavorando come server ridondanti con lo stesso contenuto - Ho deciso di lasciare il cluster e lo ha definito solo a scopo esplicativo) di circa mille residenti ciascuno. C'erano 22 di questi cluster nell'area studiata. Sono stati divisi in due gruppi, 11 cluster di intervento e 11 cluster di controllo.

Ogni sei mesi è stata offerta l'intera popolazione (in entrambi i gruppi), basata su un sistema di raccolta a domicilio, test HIV e consulenza. I consiglieri coinvolti sono stati addestrati ad andare da porta a porta, offrendo test HIV nelle case delle persone. Ai familiari di età superiore ai 16 anni sono stati offerti test rapidi e consulenza individuale in uno spazio più privato all'interno della casa.

Questo approccio, già utilizzato con successo nella regione, aiuta a superare alcuni degli ostacoli all'accesso ai servizi di test (Nota del traduttore: ho mantenuto una relazione elettronica con un'attivista in Angola e mi ha detto che c'era un verso per la capitale dell'Angola , Luanda, è stato onorato con un verso che diceva qualcosa del genere:

Luanda, Luanda

Città che tutti i conduttori.

“Non c'è acqua durante il giorno. "

Di notte non c'è luce ”-

Sfortunatamente, ho perso il contatto con lei, che era tramite ICQ (molto tempo fa ...) e, fino ad oggi, mi chiedo se sia morta per complicazioni da AIDS o di "complicazioni politiche", dato che la stabilità politica dell'Africa e la sua mappatura- l'assegnazione, che non rispetta in alcun modo le etnie e le limitazioni naturali, come un fiume o una montagna, potrebbe servire a scopi diversi dai "subordinati" ... Solo per illustrare questo sito viene automaticamente tradotto in 58 lingue da GTranslate che non mi addebita nulla , bene, bene, circa tre anni - non è stato così per un po 'e ho un buon livello di visita oltre i paesi in cui si parla portoghese e, cosa interessante, anche nei paesi in cui si parla portoghese, in Africa, questo è il Continente - il più bisognoso - e il meno visitato - è evidente che esiste un grave problema strutturale e, per non portare troppo lontano la conversazione, guardare una "mappa politica dell'Africa e vedere quanto sono" aggraziati " le linee di confine "disegnate" su quella mappa. Per me è una suddivisione ...). Può raggiungere individui che sono più difficili da raggiungere attraverso altri approcci, compresi gli adolescenti che vivono nelle aree rurali e quelli con accesso limitato al sistema sanitario formale (Nota del traduttore: […]).

Successivamente, le persone con diagnosi di HIV in gruppi di intervento immediato hanno ricevuto un'offerta immediata per iniziare la terapia con ART, HIV, indipendentemente dai sintomi o dalla conta delle cellule CD4. Gli individui nel gruppo di controllo così diagnosticato hanno ricevuto un trattamento in base alle linee e alle linee guida delle linee guida nazionali del Sudafrica.

Se non credi che il sito Soropositivo.org è tradotto in 58 lingue, fare clic su questo collegamento e vedere, in un'altra scheda del browser

Quando lo studio è iniziato, nel 2012, c'era una chiara differenza tra l'intervento e il trattamento dell'approccio domestico in relazione alle linee guida nazionali, che pregano (...), come un giorno ha pregato in Brasile (e ne sono vittima nel mezzo di migliaia ) il trattamento è stato raccomandato solo per quelli con una conta delle cellule CD4 inferiore a 350 cellule / mm3. Tuttavia, questo livello è stato modificato nel gennaio 2015 in 500 celle / mm3 (Fai clic su questo link e vedi cosa dice un grande studio, chiamato START - Si apre in un'altra scheda). Queste linee guida stanno per cambiare di nuovo per raccomandare il trattamento a tutti - come nel braccio di intervento.

Vale la pena notare che l'unica differenza tra i gruppi di intervento e di controllo era in termini di ammissibilità al trattamento per l'HIV. Altrimenti, c'erano poche differenze tra le braccia: il test porta a porta si svolgeva in entrambi; con relativa vicinanza ai centri clinici di trattamento per l'HIV (a circa 45 minuti a piedi da tutte le residenze) sono stati forniti ad entrambi.

Sebbene i ricercatori descrivano la strategia testata come un modello di "test e trattamento universale", qualsiasi differenza che avrebbe potuto essere osservata tra i gruppi di controllo e di intervento dovrebbe essere dovuta solo al cambiamento nell'ammissibilità del trattamento. A differenza di altri test e studi di trattamento, l'intervento del braccio di controllo non include test HIV più intensi o modifiche aggiuntive per rendere più facile l'uso dei servizi medici.

risultati

All'inizio dello studio c'erano 28,153 persone nella popolazione dello studio. C'erano meno uomini, il 37%, rispetto alle donne iscritte allo studio. La maggior parte delle persone colpite era di età compresa tra i 22 e i 50 anni, con un'età media di 30 anni.

Come previsto, il 31% delle persone viveva già con l'HIV. Solo il 34% di loro era in trattamento per l'HIV.

Il programma di test "porta a porta" è stato in grado di fornire test HIV ad almeno una volta l'88% delle persone contattate. E in ogni round di test, oltre il 70% di quelli contattati, ha accettato l'offerta di ripetere il test.

, Blog soropositivo. Org
Non è sempre così. Ci sono regimi con tre pillole al giorno, una volta al giorno. Come ad esempio la combinazione di lamivudina in una singola compressa, associata ad atazanavir, una capsula e norvir, una compressa relativamente piccola una volta al giorno.

Ma quando gli individui sono stati diagnosticati, l'articolazione per l'assistenza con la propria salute si è dimostrata scarsa:

  • Tre mesi dopo la diagnosi, il 28% aveva cercato una clinica per iniziare l'ART.
  • Sei mesi dopo la diagnosi, il 36% aveva cercato una clinica per iniziare l'ART.
  • Dodici mesi dopo la diagnosi, il 47% aveva cercato una clinica per iniziare l'ART.
& Sup1;

Risultati: NUOVE INFEZIONI DA HIV

Complessivamente, sono state segnalate 495 nuove infezioni da HIV, oltre 22,434 persone-anno (si apre in un'altra scheda) per il tracciamento. Ciò equivale a un'incidenza annuale del 2,21% (ovvero, ogni anno, due persone in un gruppo di 100 HIV appena acquisiti) (Nota del redattore: sembra poco; ma sembra solo; se riduciamo la popolazione del Brasile a cento milioni di persone, ogni anno duemiladuecentomila persone contraggono l'HIV un anno e ti incolpano moltiplicando per cinque e vedendo la dimensione della crisi umanitaria - Qualcuno qui ha letto l'Inferno di Dante?)

I tassi di incidenza non differivano tra i cluster di intervento (2,13%) e i cluster di controllo (2,27%) - questa differenza non era statisticamente significativa.

"Il test universale e la strategia terapeutica non hanno avuto un effetto misurabile sull'incidenza dell'HIV nel corso dello studio", ha sintetizzato François Dabis.

Tuttavia, ha evidenziato due pezzi di "buone notizie" dallo studio. In primo luogo, c'è stata una buona accettazione dell'offerta di test HIV ripetuti a casa, con quasi tutti i test testati almeno una volta. In secondo luogo, la risposta virologica al trattamento dell'HIV è stata eccellente nelle persone che hanno assunto l'ART con adeguata aderenza.

Spiegando i risultati

L'analisi presentata oggi è stata preliminare (la raccolta dei dati è stata completata solo un mese fa). Dabis ha affermato che altre analisi cercheranno di comprendere meglio come i risultati differivano tra uomini e donne e per persone di diverse fasce d'età.

I ricercatori cercheranno di chiarire i motivi per cui le persone non si collegano a un sistema di assistenza (è la loro vita !!!!) - La spiegazione risiederebbe nel modo in cui vengono forniti i servizi sanitari, i singoli fattori o gli stimmi della comunità? Cercano di comprendere meglio le differenze tra il profilo degli individui interessati e non interessati dagli interventi.

Durante la discussione, Myron Cohen dell'Università della Carolina del Nord ha suggerito che i ritardi nel collegamento alle cure potrebbero significare che le persone con infezione da HIV sproporzionatamente recente hanno contribuito alla successiva trasmissione. Inoltre, sarà importante comprendere l'impatto della migrazione e della trasmissione sessuale quando arrivano al di fuori dei limiti delle reti dell'area di studio, che possono contribuire alle nuove infezioni da HIV. (NE: un odore di xenofobia ...)

François Dabis ha affermato che sebbene lo studio sia stato formulato nell'ipotesi che possa mostrare un effetto del TasP (trattamento come prevenzione) dopo quattro anni di follow-up, potrebbe essere che ci vorrà più tempo per avere un impatto su l'incidenza, alla luce della lentezza dell'articolazione dell'assistenza sanitaria.

Altri delegati hanno suggerito che i cluster di intervento potrebbero non aver ricevuto un pacchetto di intervento sufficientemente intenso, rispetto ai cluster di controllo. Ad esempio, un approccio più intenso per aiutare le persone a collegarsi alle cure cliniche (consulenza, consapevolezza) come nei cluster basati sull'approccio porta a porta per iniziare a trattare l'infezione da HIV, che avrebbe potuto avere un impatto maggiore. impatto, portando più persone a curarsi.

(Qui il redattore parla ancora: Debalde la completa inefficienza dello stato nel finanziare campagne di prevenzione - solo per esempio, una certa "concessione" di utilizzo del canale televisivo è stata rinnovata e nessuno ha pensato di scrivere una clausola contrattuale che richiedesse la produzione, con il consiglio delle ONG che lavorano con "it" poiché "questo è" dei video educativi e l'obbligo di spargerli lungo l'intera griglia della mostra con una quotazione minima del 5% {So che è poco, ma sarebbe già qualcosa} del programma totale di "concesso, che fa poco sui fatti e, quando lo fa, lo fa in modo goffo e disastroso, generando, purtroppo, effetti controproducenti! Sono Pissy")

Sheri Lippman dell'Università della California, presiedendo la sessione, ha commentato che potrebbe essere necessario più che trovare soluzioni tecniche che affrontare le barriere strutturali all'impegno per la cura di sé che rimangono a un livello per il quale non riesco a trovare un altro aggettivo, se non deplorevole .

Inserito in: 23 luglio 2016

Roger Pebody

, Blog soropositivo. Org Roger Pebody
, Blog soropositivo. Org
Cláudio Souza
Tradotto da Cláudio Souzado originale sul sito Aidsmap Articolo "Test and Treat": un ampio studio non ha dimostrato un impatto sulle nuove infezioni da HIV | In attesa di revisione
Riferimento Dabis F et al. L'impatto di prova universale e trattare su incidenza di HIV in una popolazione del Sud Africa rurale: prova ANRS 12249 TASP, 2012-2016. 21st International AIDS Conference, Durban, abstract FRAC0105LB, 2016. Visualizza l'abstract sul sito della conferenza. Scarica le slide di presentazione dal sito web della conferenza.
Se sei un utente di Natura Acquista con noi

Questo è un lavoro fatto con amore, dedizione, cura e un primo senso di responsabilità! Genera costi e spese!

Sostieni questo link https://www.natura.com.br/?consultoria=claudiosouzaebeleza

E proprio sotto un modulo dove puoi inviarmi un messaggio!

Dona $ 10,00 Dona $ 50,00 Dona $ 100,00

, Blog soropositivo. Org
Se puoi e vuoi, ti preghiamo di aiutare
, Blog soropositivo. Org

E non era entro un "fuso orario di conforto"! Questa è una storia che solo io devo raccontare!

Sono stato il primo individuo, un CPF, non un CNPJ a, tra virgolette, "Slap my face"!

Nonostante tutto quello che ho vissuto, tutto ciò è accaduto in un periodo ancora turbato dal pregiudizio e, sì, c'erano dei prezzi da pagare.

La valuta è sempre stata quella dell'esclusione sociale e ho persino esitato a continuare o no!

Il grande "IT" di tutto ciò è che senza questo lavoro, non mi sarebbe rimasto altro che il tempo libero e certamente non lo sosterrei. Ho bisogno di essere produttivo.

Siamo Borg!

Se non annoiato dalle ore vuote, almeno dal suicidio a causa dell'assoluta mancanza di scopo che la mia vita avrebbe avuto e della terribile impressione di parassitosi che mi avrebbe colpito. Quindi, non potevo smettere.

Ho avuto l'opportunità di realizzare molte cose e, d'altra parte, ho perso diverse opportunità per fare di più, con una portata più profonda e migliore.

Non tutto è come desiderato. Lascia che piova (Guilherme Arantes)!

Ad ogni modo, se hai la possibilità di sostenere, finanziare, anche se solo minimamente questo progetto, ecco i fatti:

, Blog soropositivo. Org
Questo è l'unico blog "Still ON LINE" ad aver ricevuto questo premio e questa consacrazione. Il blog che ha raggiunto lo stesso status era Solidariedaids, di Paulo Giacommini. Sfortunatamente non riesco a trovare il collegamento e la comunicazione questo ed è molto difficile
, Blog soropositivo. Org
Blog unico on line Trattando questo tema per aver ricevuto questo premio dalla giuria accademica

, Blog soropositivo. Org

Letture consigliate su questo blog

Hi! Ragazzi, grazie per essere arrivato così lontano! La tua attenzione e interesse è il nostro più grande interesse, lavoriamo qui, io e Mara, per informarti, facciamo chiarezza in alcuni punti nebulosi di "tutto questo".

Tuttavia, ci mancano risorse finanziarie.

Se ti piace il lavoro, se sei in grado di aiutare e vuoi aiutare, spesso il costo di una sciocca quotidianità per noi farà sicuramente la differenza perché, lo sappiamo, il colibrì, che trasporta acqua sulla punta di il tuo becco farà la differenza nello sforzo di spegnere l'incendio boschivo!

Pensaci!

Di seguito sono riportate alcune risorse per facilitare il supporto!

Suggerimenti di lettura

Una persona ha già detto qualcosa !!! E tu, sarai lasciato fuori!?

Hai qualcosa da dire? Dillo!!! Questo blog è meglio con te !!!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Automattic, Wordpress e Soropositivo.Org e io facciamo tutto ciò che è in nostro potere per quanto riguarda la tua privacy. E stiamo sempre migliorando, migliorando, testando e implementando nuove tecnologie di protezione dei dati. I tuoi dati sono protetti e io, Cláudio Souza, lavoro su questo blog 18 ore al giorno per garantire, tra le altre cose, la sicurezza delle tue informazioni, poiché conosco le implicazioni e le complicazioni delle pubblicazioni passate e scambiate qui Accetto l'informativa sulla privacy di Soropositivo.Org Conosci la nostra politica sulla privacy

WhatsApp WhatsApp Us