AIDS e tabacchi AVC

Le donne nere e afroamericane con HIV hanno un rischio maggiore di ictus

CROI 2016Il rischio di ictus tra le persone affette da HIV è maggiore tra le persone con carica virale non filtrata e tra le donne e gli americani di origine africana, secondo i risultati presentati nel Conferenza sui Retrovirus e le infezioni opportunistiche (CROI 2016) il mese scorso a Boston.

Corso - interruzione dell'afflusso di sangue al cervello e conseguente danno alle aree cerebrali - può verificarsi a seguito di rottura di un'arteria (ischemica) o di un'arteria (emorragica).

L'infezione da HIV è a Fattore di rischio indipendente per ictuse ci sono alcune prove che l'incidenza di ictus è aumentata tra le persone che vivono con l'HIV negli Stati Uniti

medicina-casa-a-AVC-Sequelas1I risultati, presentati da Felicia Chow dell'Università della California a San Francisco, provengono da un'analisi del protocollo longitudinale ACTG collegato a studi di coorte randomizzati (ALLRT) e studi associati. La coorte è composta da individui reclutati nel gruppo Trials randomizzato se i pazienti con AIDS tra 1998 e 2011 e che sono stati seguiti successivamente.

Lo studio osservazionale prospettico di tipo coorte di pazienti arruolati antiretrovirali che hanno iniziato la terapia dell'HIV tra 1998 272442-2-AVCe 2011. I principali risultati sono stati il ​​tempo al primo ictus o attacco ischemico transitorio (TIA), a volte chiamati "mini corso". I ricercatori hanno condotto una serie di analisi per vedere quali fattori tradizionali e fattori legati al virus HIV aumentato il rischio di ictus.

L'analisi ha incluso partecipanti 6933 negli studi del protocollo ACTG senza una storia di ictus e post-follow-up. Un quinto erano donne, 37% era nero e 21% era ispanico. Al momento dell'inizio della ART, i pazienti avevano un'età media di 37 anni e il conteggio medio di CD4 era di cellule 243 / mm3e la carica virale media era di 57,624 copie / ml.

Un totale di colpi 54 e TIA sono stati registrati nel corso degli anni-persona di follow-32,023. L'incidenza globale di ictus è stata 1,69 eventi per anni-persona 1000, ed era più alta nelle persone di età inferiore ai 60 anni (7,39 rispetto al 3,36 a 1000 anni-persona nei soggetti con età 50-59, 1,49 da 1000 persone year quegli anni-persona di età compresa tra 40-49 e 0,23 1000 da nei loro anni 40).

ictus incidenza è più elevata tra le donne che tra gli uomini (vs 0,29 0,14 1000 di anni-persona). rischio di ictus aggiustato per l'età o mini-ictus era più alto, ma non significativamente nelle donne che negli uomini (rischio relativo [RR] 1,72, 95-0.96 3.08% CI).

Ictus o TIA incidenza differiva in base alla razza ed era 2,51 da anni-persona 1000 tra i neri rispetto ai 0,77 da anni-persona 1000 tra gli ispanici e 1,56 per 1000 persone-anno tra le persone bianche (aggiustato per età RR 2,94, 95 % HF e 1.22-7.14 1.67;% CI 95, 0.95-2.94, rispettivamente). Dopo aggiustamento per età, il rischio di ictus o TIA era significativamente più basso tra gli ispanici e gli altri, ma non tra bianchi, rispetto ai neri (RR 0,34; CI-0,14 0,82).

Pannello-ABAVC

In un'analisi multivariata aggiustata per età, i fattori di rischio tradizionali sono significativamente associati a ictus o TIA inclusi livelli più alti di colesterolo LDL, ipertensione e disfunzione renale. Il rischio di ictus a causa di ipertensione arteriosa era simile a quello osservato nella popolazione generale, ha detto Chow.

I fattori di rischio per ictus correlati all'HIV erano variabili al momento del conteggio di CD4 al di sotto delle cellule 200 / mm3 (vs sopra le cellule 500 / mm3) E una carica virale rilevabile (oltre 200 copie / ml) (Nota del traduttore: Guardano, con tutto ciò che ho tradotto, sono lì lavorano negli Stati Uniti, con la rilevabilità della conta di sotto duecento copie di RMA virale mentre , in Brasile, ci occupiamo di questo a livelli molto più bassi (copie 40 per ml).

I ricercatori hanno anche eseguito un'analisi multivariata per il controllo dei potenziali confondenti. Fattori di rischio associati ad un aumentato rischio di ictus o TIA erano età (RR 2.10 da maggiori anni 10) con tempo di LDL bracketing (RR 2,54), la pressione sanguigna (RR 2,79) e carica virale rilevabile (RR 3.10) . Chow ha inoltre rilevato che gli effetti sul rischio di ictus non sono stati filtrati della carica virale erano gli stessi che l'età di quindici anni.

I ricercatori hanno chiesto maggiori ricerche sull'associazione tra ictus o ictus, il sesso femminile e la "razza" nera. Hanno notato che un numero di fattori di rischio tradizionali modificabili - tra cui il colesterolo e la pressione sanguigna - aumentano il rischio di ictus. La terapia precoce per l'infezione da HIV può anche aiutare a ridurre il rischio di ictus.

Claudio Souza - sieropositivi da 1994

Tradotto da Cláudio Santos de Souza nelle prime ore di Sabato, 02 di julh0 di 2016 da 2: 30 e 3: originale Mattina 50 in Le donne e gli afro-americani con HIV hanno un rischio maggiore di ictus sviluppato in collaborazione con AIDSMAP.COM Il giorno successivo 04 / 07 / 2016 si vuole l'infezione da HIV è un fattore di rischio indipendente per l'ictus.

Scritto da Keith Alcorn e Michael Carter per HIV ed epatite in colaboação con Aidsmap

Riferimento F Chow, Wilson, K Wu, et al. F et al. Incidenza dell'ictus più alta nelle donne e nei partecipanti neri infetti da HIV nella coorte di ALLRT. Conferenza sui retrovirus e le infezioni opportunistiche. Boston, febbraio 22-25, 2016. 43 astratto

Se hai bisogno di parlare e non riesci a trovare me o Beto Volpe, questa è un'opzione molto più equilibrata, Beto, puoi anche inviare il tuo messaggio. Forse posso prendere un po 'di tempo. Controllo i messaggi a mezzogiorno, poco dopo, in effetti, alle 20:00.
Sta diventando sempre più difficile per me, tutta questa faccenda, scrivere.
E finisco per aver bisogno di un intervallo tra un paragrafo e l'altro.

Ma assicurati di una cosa che ho imparato:

Tempo e pazienza risolvono praticamente tutto!
----------------------------



Vita privata Quando invii questo messaggio, è implicito che hai letto e accettato le nostre politiche sulla privacy e sulla gestione dei dati [/ accettazione]

Letture consigliate su questo blog

Suggerimenti di lettura

Hi! La tua opinione è sempre importante. hai qualcosa da dire? È qui! Domande? Possiamo iniziare qui!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Automattic, Wordpress e Soropositivo.Org e io facciamo tutto quanto in nostro potere per quanto riguarda la tua privacy. E stiamo sempre migliorando, migliorando, testando e implementando nuove tecnologie di protezione dei dati. I tuoi dati sono protetti e io, Claudio Souza, lavoro su questo blog 18 ore o giorno per, tra le altre cose, garantire la sicurezza delle tue informazioni, poiché conosco le implicazioni e le complicazioni delle pubblicazioni passate e scambiate. Accetto l'informativa sulla privacy di Soropositivo.Org Conosci la nostra politica sulla privacy

Hai bisogno di chattare? Cerco di essere qui al momento in cui ho mostrato. Se non rispondo, era perché non potevo. Una cosa di cui puoi essere sicuro. Finisco sempre per rispondere
%d Bloggers come questo: