AIDS: un nuovo trattamento potrebbe essere una "rivoluzione nella vaccinazione"

Il dott. Erwann Loret spiega come il suo trattamento sperimentale offra speranza ai pazienti con AIDS.

l'uomo del giorno

AIDS: un trattamento "incentivo" nella lotta contro il virus dell'AIDS

Ci sarà una cura per l'AIDS un giorno.? Un vaccino terapeutico di Marsiglia dà speranza. Tre anni dopo il lancio di studi clinici intorno a questo trattamento, tre dei nove pazienti trattati con questo vaccino e infettati HIV, hanno visto le loro cellule infette diventare non rilevabili nel sangue. Il dott. Erwann Loret, all'origine di questo esperimento, conferma che questi risultati sono "incentivi", ma è necessaria cautela per non saltare alle conclusioni. "Nella mia intuizione sento che saremo in grado di parlare della speranza di guarire quando questi pazienti fanno la retro-sieroconversione, quando il sistema immunitario non rileva più le cellule infette e riduce la velocità degli anticorpi. Questo momento non è proprio lì, spiega lo scienziato con attenzione, martedì 15 di marzo.

Questo trattamento sembra anche essere "giustamente una rivoluzione nella vaccinazione". A differenza dei normali vaccini, "utilizza una proteina sintetica e non vi è alcun uso di adiuvanti". In altre parole, non si tratta di inoculare parti innocue del virus nel corpo per accelerare la scomparsa delle cellule malate. "È un approccio diverso alla vaccinazione contro l'AIDS", conferma il dott. Erwann Loret.

Un milione di euro

All'interno di questo test, I pazienti 46 sottoposti a triterapia ha seguito il protocollo per il periodo di dodici mesi. Per garantirne l'efficacia, i medici hanno quindi sospeso il trattamento per due mesi. Era quindi giunto il momento di verificare che il virus non riapparisse sotto forma di "rimbalzo viremici"Ciò non si verificherebbe tra i volontari che assumono placebo.
Questi studi clinici si svolgeranno presso il Centro di Ricerca Clinica dell'ospedale di progetto a Marsiglia, su cui i medici sono stati in grado di fare affidamento il supporto finanziario della start-up francese Biosantech e crowdfunding su internet. "Le prove cliniche sono molto costose. L'arrivo di Biosantech è stata una vera benedizione da questi test hanno un costo di oltre un milione di euro, "Ricorda il dott. Erwann Loret, che spera ora che altri ospedali inizieranno ad applicare questo metodo, a trarre vantaggio da questo trattamento e" verificare l'esito ".

Tradotto dal francese con scarsa tecnologia di supporto del originale scritto da Babylon MARC-Olivier Fogiel , Julien Absalon pubblicato su 15 / 03 / 2016 su 23: 21 da Claudio Souza e Rivisto da Mara MacedoIn 18 / 03 / 2016

Un po 'di più per la tua lettura

Hi! La tua opinione è sempre importante. hai qualcosa da dire? È qui! Domande? Possiamo iniziare qui!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Automattic, Wordpress e Soropositivo.Org e io facciamo tutto quanto in nostro potere per quanto riguarda la tua privacy. E stiamo sempre migliorando, migliorando, testando e implementando nuove tecnologie di protezione dei dati. I tuoi dati sono protetti e io, Claudio Souza, lavoro su questo blog 18 ore o giorno per, tra le altre cose, garantire la sicurezza delle tue informazioni, poiché conosco le implicazioni e le complicazioni delle pubblicazioni passate e scambiate. Accetto l'informativa sulla privacy di Soropositivo.Org Conosci la nostra politica sulla privacy

%d Bloggers come questo: