Ciò che viene fatto non è sufficiente per l'accesso universale alla ART

Una coalizione internazionale di advocacy trattamento dell'AIDS, i fornitori e le cliniche di persone che vivono con l'HIV ha rilasciato uno studio che dimostra che meno di 1 in dieci persone con HIV vivono in paesi che forniscono la terapia antiretrovirale (ART) per tutti a prescindere dalla conta CD4 , contrariamente alle linee guida internazionali sul trattamento. Gli attivisti hanno insistito sulla necessità di maggiori finanziamenti per formulare raccomandazioni per trasformare in realtà l'idea utopica del trattamento universale globale.

In vista della giornata mondiale contro l'AIDS su 1 a dicembre, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha pubblicato la versione definitiva del suo Linee guida consolidate sull'uso di farmaci antiretrovirali per il trattamento e la prevenzione dell'infezione da HIV. Che era stato precedentemente rilasciato in a versione preliminare a settembre di 2015.

Le linee guida raccomandano il trattamento antiretrovirale per tutti i soggetti a cui è stato diagnosticato l'HIV, indipendentemente dalla conta dei linfociti T CD4 o dai sintomi clinici e raccomandano la profilassi pre-esposizione (PrEP) per le persone a rischio sostanziale di infezione. Le raccomandazioni sono state influenzate da un numero crescente di prove, compresi i risultati di ampi studi come START e HPTN 052, mostrando che l'inizio del trattamento subito dopo la diagnosi riduce significativamente il rischio di progressione della malattia e morte, nonché la riduzione della trasmissione dell'HIV.

Le linee guida del Dipartimento della salute e dei servizi umani hanno iniziato a raccomandare un trattamento per tutti quelli con diagnosi di HIV in 2012. Il quadro clinico della European AIDS Society (EACS) è stato pubblicato per il trattamento universale delle cosiddette linee guida nella sua recente conferenza a Barcellona, ​​per portare le linee guida nazionali di ampia portata nei paesi ad alto reddito e gli orientamenti globali dell'OMS in accordo da prima volta da 2006..

Ma questo accordo non è ancora stato messo in atto, secondo un rapporto -Verso il trattamento on demand per tutti - preparato e approvato dal Forum sulla salute e da una coalizione globale di partner tra cui l'Associazione internazionale dei malati di AIDS, la comunità internazionale di donne che vivono con l'HIV, Pangea, la campagna di azione per il trattamento e le organizzazioni regionali in Africa, la Asia e America Latina e Caraibi.

Il rapporto, pubblicato su 30 a novembre, mostra che solo il 9% delle persone con HIV vive in paesi che offrono cure a tutti immediatamente dopo la diagnosi. Coloro che non vengono spesso mandati a casa dalle cliniche dopo una diagnosi di HIV perché il loro conteggio CD4 è ancora troppo alto, solo per tornare una volta che sono abbastanza malati da poter beneficiare di un trattamento.

"La realtà innegabile è che la maggior parte delle persone con diagnosi di HIV viene allontanata dai trattamenti e gli viene detto di tornare quando sono malati. Said Health Differences Direttore esecutivo Asia Russell. "Ma in molti paesi ricchi, le persone che vivono con l'HIV possono accedere ai trattamenti indipendentemente dal loro stadio della malattia. Questo schema a due e due passaggi ha un effetto mortale "

Secondo l'UNAIDS, 15,8 milioni della stima di 36,9 milioni di persone che vivono con l'HIV in tutto il mondo hanno avuto accesso al trattamento antiretrovirale nel mese di giugno di 2015, lasciando circa 21,1 milioni di persone eleggibili ma non trattate.

I tredici paesi che offrono un trattamento immediato a richiesta "per tutti coloro che hanno ricevuto la diagnosi di HIV sono tutti redditi alti o superiori ai paesi a reddito medio che insieme rappresentano solo il 4,4% del peso globale della mortalità per AIDS", afferma il rapporto. Il reddito medio annuo pro capite in questi paesi è $ 29,388 13, rispetto a solo $ 9,003 nei paesi 20 che rappresentano circa il 80% del carico complessivo della malattia da HIV.

Dei paesi 114 con le linee guida per il trattamento dell'HIV pubblicati, 55 sono "severamente fuori dalla conformità"Secondo il rapporto, l'inizio del trattamento con un limite inferiore rispetto alle precedenti linee guida in cui è stato iniziato il trattamento con un livello di cellule 500 / mm3. Alcuni non vengono chiamati per TARV finché una persona con il conteggio di CD4 non scende sotto 350 o anche 200 cells / mm3, indicando che il sistema immunitario ha già subito gravi danni con alto rischio di malattie opportunistiche e conseguenze imprevedibili ...

"Il ritardo nell'esecuzione di test-and-treat si traduce in milioni di morti prevenibili e nuove infezioni da HIV", ha detto José Zuniga, presidente dell'Associazione Internazionale dei caregivers AIDS. "E mentre i numeri sono sconcertanti, ogni morte rappresenta una tragedia non necessaria che ha effetti devastanti a livello di individuo, famiglia e comunità. Abbiamo l'obbligo morale di garantire che tutti possano avere accesso ai più alti standard di cura dell'HIV, indipendentemente da dove nascano o vivano. "

La relazione cerca progetti che portano tutti i paesi ad adottare politiche che consentano tutti coloro che vivono con l'HIV hanno accesso alle cure su richiesta e chiamata, ei paesi donatori, di impegnarsi a fornire i fondi necessari prima della riunione del livello delle Nazioni Unite ad alto livello su AIDS nel mese di giugno di 2016. Essi hanno sottolineato che i paesi dovrebbero utilizzare le flessibilità nelle regole di proprietà intellettuale al fine di garantire che i farmaci HIV sono disponibili nelle presentazioni generici e accessibili e aggiungendo che i paesi dovrebbero affrontare i diritti umani delle barriere per l'accesso allargato per la cura per le persone sieropositive, tra cui la fine della criminalizzazione del virus HIV, la stigmatizzazione, la discriminazione e la selettività nel campo delle risorse umane delle aziende, dove un risultato positivo di solito scarta il candidato, indipendentemente dal loro livello di qualificazione.

I sostenitori hanno aggiunto che sono impegnati nell'esplorazione dei paesi donatori e nell'attuazione responsabile con la XXI Conferenza internazionale sull'AIDS, tenutasi a Durban in luglio.

"Siamo molto fiduciosi di verificare la realtà nella risposta globale all'AIDS", ha detto Anele Yawa, segretario generale del Sud Africa nella campagna d'azione per il trattamento. "Non importa quanto la gente parli di una" soluzione finale per l'AIDS ", fintanto che non c'è volontà politica di correggere i sistemi sanitari e aumentare gli investimenti, una" fine all'AIDS "rimarrà una chimera e le persone sul campo continueranno soffrire. "

Un'altra organizzazione di advocacy, una campagna, ha anche pubblicato un rapporto per la Giornata mondiale contro l'AIDS, avvertendo di un deficit annuale stimato di $ 12 miliardi della somma necessaria per arginare l'epidemia. L'attuale spesa globale per l'HIV / AIDS è stata stimata in $ 20 miliardi in 2014, ma dovrebbe raggiungere $ 32 miliardi in 2020 per "raddoppiare la curva della malattia fino alla fine dell'epidemia".

Ha inoltre richiamato l'attenzione su un consunto problemi, a livello sociale, economico e ostacoli legali in molti paesi che fanno gli uomini che hanno rapporti sessuali con gli uomini, le persone transgender e gli adolescenti, le donne e le ragazze vulnerabili si infettano con l'HIV e meno probabilità di cercare cure e test.

"I progressi che abbiamo fatto contro l'HIV / AIDS sono così potenti che è facile essere ingannati da un falso senso di sicurezza riguardo alle dimensioni della lotta che abbiamo di fronte", ha detto un direttore della politica sanitaria globale Erin Hohlfelder. "Il mondo sta vivendo un budget ancora quasi $ 12 miliardi più corto ogni anno d quello che servirà per porre fine a questa malattia e dollari, euro, sterline, Naira e yen non crescono tra gli alberi. In questa giornata mondiale contro l'AIDS - con la traiettoria dell'epidemia e milioni di vite umane in gioco - abbiamo bisogno di governi, società e azioni filantropiche per intensificare e fornire le risorse necessarie per fermare l'AIDS ".

illustrazione di cartone animato ArlecchinoSoropositivo.Org NdR Naming i buoi, dubbia moralità di persone poco e ambíguou comportamento come Feliciano e Bolsonaro, ha contribuito a promuovere una battuta d'arresto indicibile (ho un nome, ma i bambini letto questo sito) impedendo l'educazione genere, interferendo nel lavoro di cattolici per la scelta (in questo caso l'organizzazione (...) con il nome di CNBB e diversi parlamentari che ora, per difendere il suo grano padrone, l'Arlecchino della Camera, vogliono creare il caos nel paese per raggiungere le loro intenzioni, utilizzando una massa di manovra che deploro nella loro ignoranza e cecità per dare corso, la forza, voto e l'energia per questi reietti, causando una battuta d'arresto nel Tante l'HIV / AIDS in Brasile, dove, per anni, 11.000 persone muoiono di AIDS che dà, diciamo, una ogni otto ore e quindici minuti circa.

Loro precisione per una fine nel trambusto là fuori.

E noi .... Qui dentro

Leggi un testo da Richard Parker

categoria: Il trattamento dell'HIV

Pubblicato il martedì, 01 2015 di dicembre 00: 00

Scritto da Liz Highleyman

Tradotto da originale di Claudio Souza Dicono gli avvocati dire che non è stato fatto abbastanza per fornire un accesso universale al trattamento dell'HIV. Inviato da Mara Macedo

12/1/15

Fonti

Differenze in salute e partner. Per il trattamento a richiesta per tutti. Dicembre di 2015.

Differenze in salute e partner. Meno di 1 in dieci persone che vivono con l'HIV vivono in un paese dopo il trattamento per l'HIV Comunicato stampa. Novembre 30 2015.

Una campagna Un nuovo rapporto dà l'allarme per l'autocompiacimento del governo nella lotta globale contro l'HIV / AIDS. Comunicato stampa. Dicembre 1 2015.

Annunci

Pubblicazioni correlate

Commenta e socializza. La vita è migliore con gli amici!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Soropositivo.Org, Wordpress.com e Automattic fanno tutto ciò che è alla nostra portata per quanto riguarda la tua privacy. Puoi saperne di più su questa politica in questo link Accetto l'informativa sulla privacy di Soropositivo.Org Leggi tutto in Informativa sulla privacy

%d blogger come questo: