Annunci

AIDS migrato a più poveri e vulnerabili

Sei dentro Iniziazione => AIDS e la povertà => AIDS migrato a più poveri e vulnerabili
AIDS e la povertà
Povertà

Attivisti, esperti e parenti di persone con AIDS pagano oggi (1º), Giornata Mondiale per la lotta all'AIDS, più campagne di sensibilizzazione sulla malattia. In 1º Carioca Meeting per la lotta contro l'AIDS, realizzato presso il Centro Culturale di Cord Bola Preta, hanno valutato che la malattia ha migrato alle popolazioni più povere e vulnerabili. I partecipanti alla riunione hanno concluso che l'AIDS sarà superata solo con il confronto della violenza di genere, l'omofobia e la povertà. Donne e giovane sono tra le principali vittime del paese, secondo il Ministero della Salute.

AIDS e povertà"La popolazione underprivileged è quella che soffre. AIDS si trovava tra i settori meno privilegiati, tra i più poveri, i più giovani, Ragazzi gay e anziani. Il più ricco, quando infettato, hanno assicurazione sanitaria, lasciare il paese per il trattamento ", ha detto il brasiliano interdisciplina Associazione Progetto coordinatore AIDS (Abia), Vagner de Almeida. A suo parere, un modo per affrontare il problema è quello di mettere l'AIDS nell'agenda pubblica, come è stato fatto lì 20 anni, chiarire e avverte circa le malattie e metodi di prevenzione.

Questa è la stessa valutazione rappresenta la Comunità Internazionale delle donne che vivono con l'HIV / AIDS (ICW acronimo in inglese), Juçara Portugal Santiago. Lei crede che lo stigma e il pregiudizio sono le sfide più grandi per contenere la trasmissione. Oltre alla lotta contro la povertà e raccogliere le azioni di lotta contro la violenza di genere, che richiede più conoscenza.

"Vedo la gente reagisce oggi come ho visto quando sono entrato in questo mondo 1992. A quel tempo, il Brasile non aveva rimedi. Si è parlato di preservativi e c'era un sacco di pregiudizi ", ha detto. Oggi, si suggerisce che le donne, per esempio, per testare il preservativo femminile e perdere avversione. "Le donne hanno difficoltà ad usare [il preservativo femminile] e assegnare questa responsabilità per l'uomo. Ma dopo aver utilizzato, si sente al sicuro. Divenne più trattativa indipendente [preservativo] con il partner o il partner, "ha detto.

Vagner de Almeida, che ha partecipato alla Conferenza Internazionale sull'AIDS in Australia nel mese di ottobre, anche difeso più opzioni di trattamento e la prevenzione non dipendono solo uso del condom. "Quante donne non possono negoziare l'uso del preservativo con i loro partner? Quanti giovani usano una volta, due volte, poi si innamorano e lasciare fuori? E il preservativo può finalmente esplodere. Può avere un problema o non ben utilizzato. È necessario disporre di preservativi [per entrambi i sessi] e ART. "

Durante l'evento, l'attivista Cazu Barros, che vive con l'AIDS e si è dedicato alla diffusione di informazioni sulla malattia, ha denunciato i problemi di trattamento. Non è sufficiente che la rete sanitaria fornisca solo i retrovirali: è necessario garantire una completa assistenza sanitaria, ha affermato. "Nella consulenza [medica] si va a prendere il farmaco mensile. Non ha accesso ad altri specialisti come dermatologo, neurologo, dentista, psicologo, e questo non aiuta. "

Barros ha anche denunciato l'incontro che il Kaletra, indicato per i pazienti con AIDS, manca due mesi fa in cliniche Leblon e Lagoa, nella zona sud della città. Il Comunale Salute secernere non ha spiegato il motivo del problema nelle unità.

Tania Rego / Agenzia Brasili

Sabela Vieira- giornalista Agenzia Brasile Edition: Fabio Massalli

Reissue in Sito Web sieropositivi: Claudio Souza

Per saperne di più

Iscriviti alla nostra newsletter - È mensile, con il meglio del mio meglio sul mio blog






E tu? Cosa ne pensi?

Molte persone, "gli intervistatori" guardano con disprezzo verso le persone con HIV.

Un mio amico (ex amico che ha preso una chiave ...) in passato, consapevole della mia condizione, si riferiva ad un'altra persona, presumibilmente infetta dall'HIV nel modo seguente:

- "Questo è un altro che è bichado".

Fino ad oggi, non capisco perché non gli ho dato un pugno finché non gli ho fatto una torta all'asino, non lo so.

Poiché l'ipotesi è seria e i chiarimenti si adattano, inserisco questo video:

Durante i decenni era tabù! Personalmente ho sofferto per questo. E tu, avresti una relazione serodivergente

Sei un portatore dell'HIV? In tal caso, hai ricevuto un aiuto alla pensione o malato mentre lo spedisci o hai dovuto combattere come un cane?

Devi chattare, iniziare dai commenti o qui







O costo La pagina fan del blog!

Annunci

Pubblicazioni correlate

Soropositivo.Org, Wordpress.com e Automattic fanno tutto alla nostra portata Accetto l'informativa sulla privacy di Soropositivo.Org Leggi tutto in Informativa sulla privacy

Cookies e informativa sulla privacy

Questo sito utilizza i cookie e si può rifiutare questo uso. Ma potresti ben sapere cosa viene registrato in consonanza con il nostro politica sulla privacy