Ultimo

Rapido aumento dell'incidenza della tubercolosi subito dopo l'infezione da HIV

La nuova svolta nelle epidemie gemellate

TBDurante il corso della pandemia dell'AIDS, abbiamo imparato una considerevole quantità sull'intersezione di HIV e la tubercolosi (TB). La tubercolosi è una delle principali cause di morte tra le persone che vivono con l'HIV; in tutto il mondo, milioni di persone sono 14 co-infettati con Mycobacterium tuberculosis e HIV [1]. Infezione da HIV aumenta il rischio di riattivazione latente M. tuberculosisinfection, mettendo le persone sieropositive a maggior rischio di sviluppare tubercolosi [2]. Infezione da HIV aumenta anche il rischio di rapida progressione dopo TB primaria M. tuberculosis acquisizione o ri [3]. TB può accelerare la progressione della malattia da HIV attraverso l'attivazione immunitaria ed è associata a più alta mortalità e la sopravvivenza più bassa di persone sieropositive [4]. L'aumento del rischio di tubercolosi CD4 al diminuire della conta delle cellule; analogamente, i più alti tassi di mortalità associati a tubercolosi si verificano in persone con conta di cellule inferiori CD4 [5].

Si presume che, molto presto nella storia naturale dell'infezione da HIV-prima di una significativa riduzione della conta di cellule malattia CD4 verifica e il rischio di tubercolosi è relativamente basso. Quindi è sorprendente e affascinante in questo numero di The Journal of Infectious Diseases, Sonnenberg et al. , Relazione prova contraria. In un'ampia coorte di miniere d'oro in Sud Africa, gli autori hanno trovato che il rischio di tubercolosi è raddoppiata nel primo anno di infezione da HIV. Non inaspettatamente, questo rischio aumenta ancora di più negli anni successivi.

Precedenti studi hanno suggerito la possibilità che l'incidenza di TB può aumentare dopo l'infezione da HIV, ma questi studi non erano in grado di quantificare un rischio statisticamente significativo. C'erano diverse caratteristiche di coorte analizzati da Sonnenberg et al. che ha permesso loro di valutare il modello di rischio temporale della tubercolosi dopo sieroconversione HIV: l'incidenza della tubercolosi nel gruppo era molto alto, e la coorte ha avuto un alto tasso di sieroconversione HIV. Sonnenberg et al. erano in grado di analizzare i risultati tra i minatori 23.874, tra cui i minatori 2.737 con sieroconversione HIV documentata. TB di capacità diagnostica permesso una diagnosi definitiva di tubercolosi, e la coorte aveva accesso costante ai servizi sanitari affidabili.

Nello studio, i minatori che sono stati testati per l'HIV in malattie a trasmissione sessuale (STD) cliniche, durante il ricovero, o come parte di indagini di sieroprevalenza durante il periodo di studio designato erano eleggibili per l'arruolamento. I minatori sono stati seguiti fino a quando non hanno sviluppato la TBC polmonare, muoiono o lasciano le miniere. Anche i minatori HIV-negativi sono stati censurati per l'analisi nell'anno 1 dopo l'ultimo test HIV negativo. La TBC è stata rilevata durante gli esami annuali di routine o le visite avviate dal paziente in ospedale o in una clinica STD. Durante tutto il periodo di studio, sono state condotte le ripetizioni dei test di HIV avviati principalmente durante le visite da parte del paziente in ospedale o STD (o altro) clinica, così come durante le indagini sieroprevalenza.

L'accurata progettazione e complesso studio analitico Sonnenberg et al. era necessario a causa della natura aperta della coorte e il desiderio di ridurre al minimo l'inserimento di TB incidente tra i minatoriAIDS Status HIV incerto o sconosciuto. La frequenza e la posizione altamente variabile test HIV solleva la questione se la TB sono rischi diversi, per esempio, tra i minatori che sono stati testati per l'HIV solo una volta durante una sieroprevalenza indagine e minatori sono stati testati ripetutamente visite iniziato nel paziente in una clinica STD. Sonnenberg et al. affrontato questo potenziale bias nella analisi di sensitività, escludendo il test HIV in reparti di medicina o la tubercolosi, e gli autori riportano un simile aumento di incidenza tubercolosi entro il primo anno di sieroconversione HIV.

Quando sono stati considerati i metodi diagnostici TB di minatori, che ha incluso la valutazione dopo la presentazione avviata dal paziente in ospedale o cliniche mediche e gli esami annuali di routine, la questione della determinazione parzialità pone. Sonnenberg et al. afferma correttamente che i medici nelle miniere d'oro sono suscettibili di avere un alto grado di sospetto di tubercolosi, a prescindere dallo status HIV di un minatore, a causa della incidenza e la prevalenza di tubercolosi nelle miniere. Tuttavia, minatori sieropositivi possono presentare alle strutture mediche più spesso a causa dello sviluppo di sintomi clinici legati alla malattia di HIV, quindi potenzialmente polarizzazione per un'ulteriore valutazione e rilevazione TBC tra i minatori sieropositivi. Un'altra sfida che si pone è i tassi differenti di attrito tra minatori positivi e negativi HIV nell'analisi. Per i minatori negativi all'HIV, con unico test 1 HIV, il periodo di follow-up incluso nell'analisi sarebbe solo un anno, mentre, per i minatori sieropositivi, il periodo di follow-up incluso nell'analisi probabilmente sarebbe in media , più a lungo. La breve durata del follow-up per l'HIV-negativi minatori può tradurre in una diminuzione possibilità di rilevare lo sviluppo di TB, potenzialmente ridurre l'incidenza stimata di tubercolosi in questa popolazione. Tuttavia, una media di 1,1 anni di follow-up per i minatori positivi e HIV-negativi fornisce dati sufficienti per rivelare il più affascinante scoperta dello studio Sonnenberg et al: raddoppiare l'incidenza della tubercolosi nel primo anno di sieroconversione HIV.

Perché il rischio di sviluppare tubercolosi è aumentato presto nel corso di infezione da HIV? La profonda disregolazione immunitaria si verifica dopo l'infezione da HIV può giocare un ruolo. Subito dopo l'infezione acuta da HIV, una persona va per un periodo di immunosoppressione generalizzata contrassegnato dalla diminuita risposta agli antigeni precedentemente esposti [6,7]. Questa disfunzione delle cellule T, che non è chiaramente correlato con conta delle cellule CD4 e può durare per mesi [7] può essere un meccanismo che permette la progressione precoce dopo l'HIV infezione tubercolare. La durata di perdita di risposta agli antigeni di M. tuberculosis per avviare quanto prima infezione acuta da HIV porta una ulteriore indagine, può far luce su questo problema.

Un'altra possibile spiegazione per Sonnenberg et al. E la constatazione di un aumento del rischio di tubercolosi presto nel corso di infezione da HIV è che i minatori che hanno sviluppato la tubercolosi durante il primo anno di infezione da HIV rappresentano un sottoinsieme di progressors rapidi. Negli studi iniziali di AIDS, solo 2% al 3% dei pazienti ha raggiunto una diagnosi clinica di AIDS 2-3 anni di sieroconversione HIV [8]. Tuttavia, co-infezione con> 1 ceppo di HIV è stato sempre riportato in coorti africani [9, 10], e il tasso di progressione rapida della malattia può essere molto più alto in queste persone doppiamente infette. In un recente studio di 34 pazienti HIV-positivi con le date di sieroconversione note e dati sugli esiti della malattia, 5 sono risultati essere doppiamente infettato (cioè o sono stati co-infettati con due varianti del virus al momento della sieroconversione o erano superinfected con uno secondo variante virale in un secondo momento); 5 in tutti questi pazienti, il tempo per una cella conteggio CD4 <cellule 200 / ul era <anni 3,1, che è molto più breve rispetto alle tipiche anni di tempo-8 10 [9]. In Sonnenberg et al., 138 dei minatori nel gruppo incidente infezione da HIV (cioè coloro che sieroconversione durante il periodo di studio) che ha sviluppato la tubercolosi durante il periodo di studio, 30 sviluppato la malattia durante il primo anno di infezione da HIV . È possibile che alcuni dei minatori sono stati infettati> 1 ceppo di HIV, con conseguente flessione più accentuata nella cella Numero CD4, portando a riattivazione di un latente infezione da M. tuberculosis.

OspedaleÈ interessante notare che l'aumento del rischio di tubercolosi presto nel corso di infezione da HIV è causa di un'infezione o la riattivazione di M. tuberculosis nuova acquisizione. Per far luce su questo problema, Sonnenberg et al. fingerprinting molecolare realizpu di isolati disponibili. Tra seroconverters HIV, gli autori hanno scoperto che gli isolati TB originali erano presenti in 57% (8 / 14) di minatori che hanno sviluppato la tubercolosi entro 2 anni di sieroconversione HIV, rispetto al 20% (3 / 15), che ha sviluppato la tubercolosi dopo . Documenti pazienti isolati sono più probabilità di avere la tubercolosi sviluppato tramite la riattivazione, mentre isolati i pazienti che sono condivisi tra una coorte si pensa siano stati recentemente infettati. Qualsiasi riattivazione e infezione da M. tuberculosis recente acquisizione sono plausibili nel contesto di immunosoppressione acuta che è associato con l'infezione primaria con malattia da HIV e HIV e rapidamente progressiva diminuzione delle cellule contare CD4. I numeri di studio Sonnenberg et al. sono troppo piccolo per trarre una conclusione definitiva per quanto riguarda il tipo di TB che predominava dopo sieroconversione HIV. E 'possibile che sia nuovi rischi di infezione e riattivazione di M. tuberculosis malattia è aumentata.

L'aumento del rischio di tubercolosi presto nel corso dell'infezione da HIV ha diverse implicazioni importanti per prevedere l'impatto dell'HIV sulla epidemia di tubercolosi globale. Anche se è difficile generalizzare la grandezza della maggiore incidenza trovato nella popolazione altamente specializzata dei minatori d'oro e applicarlo al resto del mondo in via di sviluppo, è probabile che un certo aumento significativo dell'incidenza si verifica durante il primo anno dopo la sieroconversione HIV . Sebbene i modelli attuali che stimano il carico globale della tubercolosi riconoscono la forte associazione tra incidenza della TB e prevalenza nell'HIV adulto [11, 12], non rappresentano il più alto rischio di TB precocemente nel corso dell'infezione da HIV. Riformulare questi modelli nel contesto di questi nuovi dati è tale da incidere carico calcolato TB-e non solo per le persone sieropositive, ma per la comunità in generale anche [13].

CD4

L'aumento del rischio di tubercolosi presto l'infezione da HIV, naturalmente, ha anche importanti implicazioni per la prevenzione della tubercolosi in persone sieropositive. Metodi potenziali comprendono l'uso di farmaci antiretrovirali e la chemioprofilassi per infezione tubercolare latente. Dati sudafricani suggeriscono che l'uso della terapia antiretrovirale altamente attiva efficace nel ridurre l'incidenza di tubercolosi tra le persone HIV-associati con conta delle cellule CD4 <350 cellule / ml [14]. Se le persone che sviluppano la tubercolosi presto nel corso di infezione da HIV rappresentano progressors rapidi con bassa conta di cellule CD4, quindi la determinazione del numero di celle CD4 può essere tutto ciò che è necessario per identificare il sottogruppo di persone che sono più a rischio .

siringhe

In alternativa, se la maggior parte delle persone che sviluppano la tubercolosi presto nel corso dell'infezione da HIV hanno alti conta cellule CD4 e indicazioni per la terapia antiretrovirale, quindi il trattamento della infezione tubercolare latente può essere il modo più fattibile ridurre il rischio di TB. I dati dall'Uganda suggeriscono che il trattamento dell'infezione latente da M. tuberculosis può fornire protezione contro la tubercolosi nelle persone sieropositive; la durata della protezione è stata aumentata a tre anni mediante l'uso di regimi di trattamento combinato con rifampicina [15]. Tuttavia, la definizione e l'attuazione di una terapia preventiva ottimale per la tubercolosi in Africa è un compito impegnativo. La durata ottimale del trattamento e i regimi ottimali sono sconosciuti e sono attualmente in fase di studio. I programmi di terapia preventiva richiedono anche l'esclusione della tubercolosi attiva, che può essere difficile in luoghi con risorse limitate.

Forse l'implicazione più immediata e universale di questi importanti dati Sonnenberg et al., È la necessità di ampliare servizi di test HIV affidabile e conveniente in aree in cui la tubercolosi è endemica. L'identificazione esatta di non diagnosticata HIV è il primo passo necessario per l'attuazione di misure preventive per ridurre la diffusione di M. tuberculosis e HIV co-infezione. Valutazione tempestiva e affidabile di tubercolosi in persone sieropositive è un'altra componente chiave che deve essere rafforzata per contenere l'epidemia. L'iniziativa di protesta che è stato istituito in tre paesi africani dall'Organizzazione Mondiale della Sanità mira a sviluppare una risposta più coerente alla tubercolosi in ambienti dove la prevalenza di HIV è elevata mediante la combinazione di un migliore accesso ai servizi di consulenza di alta qualità e rapido test con maggiore screening per la tubercolosi [16]. Rapporti preliminari di questi siti indicano che tali sforzi di collaborazione tra i programmi di controllo della tubercolosi HIV / AIDS e sono fattibili ed efficaci [16]. Migliorare i collegamenti tra HIV e tubercolosi servizi clinici e di sanità pubblica sarà essenziale per affrontare efficacemente le sfide di questo coepidemic.

  1. Padmini Srikantiah1,2,
  2. Edwin e Charlebois1
  3. Diane V. Havlir3

+ Affiliazioni d'autore

  1. 1 AIDS prevenzione Studies Center presso l'Università della California a San Francisco, San Francisco
  2. 2 Divisione di Malattie Infettive presso l'Università della California a San Francisco, San Francisco
  3. 3 / HIV Divisione AIDS, San Francisco General Hospital, University of California a San Francisco, San Francisco
  4. Ristampe o corrispondenza: Dr. Diane V. Havlir, HIV / AIDS Div, San Francisco General Hospital, University of California a San Francisco, 995 Potrero Ave., Bldg .. 80, 84 Ward, San Francisco, CA 94110 (dhavlir @ php.ucsf.edu).

.

  • © 2005 dai Infectious Diseases Society of America
Se si desidera riprodurre questo testo sul proprio sito Web, si prega di ricordare di citare le fonti e il lavoro del traduttore. grazie

Annunci

.Com - Top Blog Salute 2013 Juri Acadêmico

Ti piace il nostro lavoro? Ti ha aiutato in qualche modo? Se questo è vero, sono già felice. Ma ha un costo ed è difficile da mantenere. Una volta. Solo una volta nella vita chiedo di sostenere. E non permettere a nessuno altro di farlo. Se hai saputo quanto è raro un contributo è !!!!!

Supporto per Blog Soropositivo.org

Non è facile aggirare questo livello. Il tuo aiuto conta molto. "

10.00 BRL

Questa è la mia storia medica ormai superata! Sì! Sì! Ci sono state complicazioni !!!

Informazioni su Claudio Souza do Soropositivo.Org (articoli 508)
Sì, questa è la mia foto! Mia nipote mi ha chiesto di mettere questa foto sul mio profilo! .... Ho avuto qui una descrizione di me che una persona ha descritto come "irriverente". Questo è davvero un modo eufemico per classificare ciò che era qui. Tutto quello che so è che una "ONG", che occupa un edificio di storia 10 ha collaborato con me, e ho i log del tempo partenariato, che era un altro vampirismo perché per ogni popolo 150 che escono del mio sito, cliccandoci sopra, c'era, in media, uno che arrivava. QUANDO SONO STATO ENTRATO E INSERITO

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

WhatsApp WhatsApp Us

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

%d Bloggers come questo: