27 C
São Paulo
15, dicembre, 2019

Pazienti affetti da HIV non sono spesso sottoposti a test per HCV

Immagine predefinita
In evidenza

Michael Carter

Le persone con HIV non sono spesso testate per l'infezione da virus dell'epatite C (HCV), secondo l'americano Clinical Infectious Diseases. Lo studio retrospettivo ha esaminato le pratiche di screening in sette siti di assistenza primaria tra 2000 e 2011. La frequenza dei test è aumentata, ma la pratica variava considerevolmente tra i siti, e in alcuni casi gli individui con un comportamento ad alto rischio non venivano frequentemente testati per l'HCV.

"Lo screening per l'incidenza dell'HCV è variabile tra i siti e anche il miglioramento della frequenza di screening è variabile, sottolineando la necessità di linee guida basate sugli Stati Uniti per informare le pratiche dell'HIV", scrivono gli autori.

Un editoriale nello stesso numero del diario rafforza l'importanza di una pronta diagnosi dell'HCV nelle persone con HIV.

Molte persone con HIV sono ad alto rischio di infezione da virus dell'epatite C. L'uso di droghe iniettabili è un fattore di rischio riconosciuto per l'acquisizione dell'HCV e vi è anche un'epidemia di HCV sessualmente trasmessa tra uomini gay con HCV in alcuni città in Europa e negli Stati Uniti.

Le linee guida americane raccomandano che le persone con HIV ad alto rischio di HCV debbano essere prese in considerazione per screening annuali di anticorpi contro l'HCV. Tuttavia, la definizione di alto rischio non è chiara e le attuali pratiche di test sono sconosciute. A causa di questa incertezza, un gruppo di ricercatori ha sviluppato uno studio retrospettivo che coinvolge persone 70.000 sieropositive che hanno ricevuto la prima assistenza in sette siti statunitensi tra 2000 e 2011. Hanno misurato i livelli di HCV sottoposti a screening utilizzando anticorpi o test RNA come requisiti per la cura, e per le persone che non avevano HCV come standard, i successivi livelli di test. Sono stati anche esaminati i fattori associati ai test e gli esaminatori hanno anche esaminato se aumenti dei livelli degli enzimi epatici (ALT) - una possibile indicazione di recente infezione da HCV - hanno innescato ulteriori test diagnostici.

Gli indici di screening per le persone appena arruolate per l'assistenza erano buoni, con 85% sottoposto a test degli anticorpi dell'HCV o test dell'RNA entro tre mesi dalla creazione di una connessione con un vettore. Ma le analisi di 9000 su persone che non avevano HCV e che sono rimaste sotto cura per almeno un anno hanno mostrato che solo il 56% ha ricevuto uno screening dell'HCV durante il follow-up.

Le percentuali di test di follow-up variano da siti che vanno da un basso di 35% a un massimo di 79%.

Un certo numero di fattori di rischio e caratteristiche cliniche sono stati associati al test per l'HCV durante il follow-up. Tra di loro includere le relazioni di rapporto anale senza protezione (OR = 1.31, 95% CI, 1.08-1.59); uso di anfetamine (OR = 1.86; 95% CI, 1.42-2.44); avere diagnosi di AIDS (OR = 1.16; 95% CI, 1.04-1.31); e la storia di malattia epatica non correlata a HCV (OR = 3.41; 95% CI, 2.51-4.63). Le persone che hanno segnalato l'iniezione di droghe avevano più probabilità di essere sottoposte a screening rispetto agli omosessuali o ai gruppi a rischio eterosessuale.

La sorveglianza nello screening è aumentata nel tempo e tra 2008 e 2011 l'indice di screening variava tra 0.24 e 0.63 proiezioni all'anno. Anche il numero medio di proiezioni per persona è aumentato nella maggior parte dei siti, così come la percentuale di persone sottoposte a test dell'HCV a orari prestabiliti.

"La sorveglianza nello screening per l'infezione da HCV varia in modo sostanziale tra i siti clinici - anche tra quelli che segnalano caratteristiche ad alto rischio come l'uso corrente di anfetamine e sesso anale con uso di condom variabile", osservano gli autori.

Test per HCV in persone con ALTs elevati sono stati poco frequenti: solo 27% degli individui con livelli superiori 100 UI / l ed un quinto di quelli con misure di cui sopra 400 IU / mL test HCV RNA o anticorpi Subì entro un periodo di dodici mesi. I tassi di screening erano simili quando le analisi erano limitate ai gay o ad altri uomini che avevano fatto sesso con uomini.

"Sembra che i fornitori negli Stati Uniti non utilizzino abitualmente l'ALT come test di screening per l'occorrenza di HCV", hanno commentato i ricercatori. Concludono che le linee guida per lo screening nazionale dell'HCV sono necessarie per le persone con HIV, "informando chi dovrebbe partecipare a questo screening, con quale frequenza e con quali screening dovrebbero essere usati".

Riferimento

Freiman JM et al. Attuali pratiche di screening per l'infezione da virus dell'epatite C incidente tra soggetti infetti da HIV, non infetti da HCV in cure primarie. Clin Infect Dis, edizione online, 2014.

Reiberger T Infezione da virus dell'epatite C acuta in HIV + MSM: dovremmo cambiare la nostra pratica di screening? Clin Infect Dis, edizione online, 2014.

Fonte AIDSMAP.com

Traduzione SAMIRA JZ

Originale in inglese: AIDSMAP Translation SAMIRA JZ

Copyscape non ha rilevato alcun corrispondenze per il posto di corrente. (Parole 818 controllato)

Digiprove certificate id: P552030 - La prova di questo testo e contenuti HTML è stato creato.

Penso che le persone debbano essere sottoposte a test per l'HCV ogni volta che si scoprono che sono HIV-positivi, in quanto sono già stati testati per la tubercolosi in casi simili

Mantengo questo blog, quasi senza aiuto, dall'anno 2000! siamo alla fine di 2019

Nessuno è così povero da non poter aiutare almeno una volta. A te la scelta. E Dio testimonia le tue opzioni

Per aiutare con $ 10,00 Per aiutare con $ 20,00 Per aiutare con $ 50,00 Per aiutare con $ 100.00




























Ciò che viene dopo l'immagine non è per te pensare:

"Wow! Come ha sofferto!

Spetta a te metterti in testa che è possibile attraversare ancora di più!

Quando scrivo che c'è vita con l'HIV è questo e molto altro che parlo !!! Proprio come te, io non sono altro che un essere umano. Con molta determinazione è un amore incalcolabile e soprattutto Mara. Dopo la sua morte, posso partire poco dopo senza lamentarmi.

Nonostante l'infezione da HIV, e anche raramente, posso sorridere!

Lo so! La maglietta è orribile. Ho provato lo stesso sorriso con un'altra maglietta. Ma il motivo del sorriso non c'era più! 🙂 Lo è davvero. Sì, quel sorriso su di me è raro

Articoli correlati che potresti voler leggere

Hi! La tua opinione è sempre importante. hai qualcosa da dire? È qui! Domande? Possiamo iniziare qui!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Automattic, Wordpress e Soropositivo.Org e io facciamo tutto quanto in nostro potere per quanto riguarda la tua privacy. E stiamo sempre migliorando, migliorando, testando e implementando nuove tecnologie di protezione dei dati. I tuoi dati sono protetti e io, Claudio Souza, lavoro su questo blog 18 ore o giorno per, tra le altre cose, garantire la sicurezza delle tue informazioni, poiché conosco le implicazioni e le complicazioni delle pubblicazioni passate e scambiate. Accetto l'informativa sulla privacy di Soropositivo.Org Conosci la nostra politica sulla privacy